Bonus 550 euro, in arrivo i pagamenti

In arrivo il bonus da 550 euro previsto dall’Inps relativamente ai lavoratori part-time. Sono in corso le lavorazioni

Bonus 550 in arrivo (Adobe) – Consumatore.com

Sono in corso le ultime erogazioni relative ai tanti strumenti di sostegno messi in campo quest’anno dallo scorso governo per effetto della crisi energetica dovuto al conflitto in Ucraina. Infatti, stanno per essere erogati gli ultimi bonus da 200 euro mentre alcune categorie residuali di lavoratori riceveranno il bonus da 150 euro a febbraio.

Oltre ai due bonus, rispettivamente da 200 e 150 euro, che sono più diffusi tra la cittadinanza sono in corso le lavorazioni anche per un altro bonus, che riguarda un numero più ristretto di cittadini. Si tratta del bonus da 550 euro previsto per i lavoratori con contratto a ciclo verticale part-time relativamente all’anno 2021.

In arrivo il bonus lavoro part-time relativo al 2021

Bonus 550 in arrivo (Adobe) – Consumatore.com

Il bonus è diretto ai lavoratori impegnati da un minimo di sette a un massimo di venti settimane totali, che lavorano nel settore privato e che hanno avuto una sospensione del lavoro per almeno un mese. Inoltre, per avere diritto al bonus questi lavoratori non devono trovarsi a ricevere, alla data di presentazione della domanda, assegni pensionistici o Naspi o altri contratti di lavoro subordinato diversi dal lavoro a ciclo verticale.

Leggi anche: Bonus benzina, ecco fino a quando

La presentazione delle domande per questi lavoratori è scaduta lo scorso 30 novembre. La novità è che sono in corso le lavorazioni che sono partite dalla metà di gennaio. Alcune pratiche sono state già concluse e sono in arrivo i pagamenti per coloro che hanno avuto il via libera dai funzionari dell’Inps, ente erogatore del bonus.

Leggi anche: Bonus 200 euro, gli ultimi pagamenti

Le conclusioni delle lavorazioni erano previste per il mese di dicembre. Tuttavia, nelle ultime settimane dell’anno l’istituto di previdenza sociale è stato impegnato da un notevole volume di lavoro legato ai tanti pagamenti erogati e non solo per i relativi bonus ancora da liquidare. Infatti, a dicembre ci sono state le tredicesime e i pagamenti di numerosi arretrati di assegno unico e universale oltre agli arretrati da rinnovi contrattuali di alcune categorie.