Inps, in arrivo ricchi arretrati per questi pensionati

In arrivo gli arretrati per alcuni pensioni. Le somme non riguardano, però, gli assegni di pensione

In arrivo gli arretrati ai pensionati ( Adobe) – Consumatore.com

Il 29 dicembre scorso sono partiti i pagamenti relativi agli arretrati per una categoria di lavoratori. Si tratta dei lavoratori del settore scuola. L’aumento è dovuto per effetto del rinnovo del contratto di lavoro del personale della scuola, ossia docenti e personale ata, compresa la segreteria.

Tuttavia, il rinnovo ha riguardato annualità arretrate. Infatti, come spesso accade in Italia da diversi anni, i contratti collettivi di comparto si rinnovano in ritardo. Stavolta, però, complice anche la pandemia, il rinnovo è arrivato dopo tre anni. Infatti, si tratta del rinnovo del contratto di lavoro del triennio che va dal 2019 al 2022.

Pensionati della scuola, arrivano gli arretrati

In arrivo gli arretrati ai pensionati ( Adobe) – Consumatore.com

Proprio per questo motivo ad avere diritto a ricevere danaro saranno anche i docenti e il personale ata che in questi anni erano in servizio. Infatti, l’accordo tra Aran e sindacati ha previsto il riconoscimento degli arretrati, dato il ritardo del rinnovo. Così, tutti i lavoratori della scuola che dal 2019 al 2022 erano ancora in servizio, compresi coloro che oggi sono in pensione,  avranno diritto agli arretrati.

LEGGI ANCHE: Reddito, nuova stangata in arrivo

E’ opportuno precisare che ai pensionati spettano gli arretrati in proporzione al periodo lavorato nel triennio che va dal 2019 al 2022. Tuttavia, i pensionati dovranno rammentare che la posizione NoiPa non è più aperta in quanto non sono più appartenenti al settore dei dipendenti pubblici.

LEGGI ANCHE: Trasporti, brutta notizia per chi viaggia

Costoro, infatti, riceveranno gli arretrati tramite l’Iban. E’ opportuno, in tal caso, verificare se l’Iban in possesso dell’ultima scuola in servizio sia lo stesso in essere attualmente. Considerando l’intero triennio, la cifra attesa degli arretrati dovrebbe essere compresa tra 1.353 euro lordi per i collaboratori scolastici ad inizio carriera e 3.119,79 euro lordi per i Dsga che si avviano alla fine del loro servizio lavorativo presso il Miur. Per i pensionati in attesa i pagamenti sono in corso e dovrebbero concludersi nel mese di febbraio di quest’anno.