Bonus part-time, ultime ore per inoltrare la domanda

Il 30 novembre scade il termine per inoltrare la domanda per il bonus a favore dei lavoratori part-time

Bonus 350 euro per alcune p.iva
Bonus in scadenza (Foto Pixabay)

Sono settimane intense per l’Inps e positive per diversi cittadini. Infatti, l’ente di previdenza è alle prese con una serie di pagamenti oltre quelli ordinari che riguardano pensioni, reddito di cittadinanza, assegno unico e Naspi. Infatti, in questo periodo sono in corso i pagamenti di diversi bonus oltre agli arretrati conseguenti a diversi provvedimenti,.

Gli ultimi percettori del bonus da 200 euro sono in attesa di ricevere i pagamenti entro il 31 dicembre. Alcune categorie residuali, infatti, attendono ancora l’erogazione. Tra novembre e dicembre, poi, è in pagamento il bonus da 150 euro sempre una tantum a favore di lavoratori e pensionati.

Bonus per chi ha lavorato part-time nel 2021

bonus 150 euro
bonus 550 euro in scadenza  (Foto Pixabay)

Alcune categorie lo riceveranno, però, a febbraio. Si tratta di percettori Naspi e lavoratori a termine del mese di novembre che non sono sotto contratto. In questo periodo scadono anche i termini per ottenere dei sostegni. Infatti, il 30 novembre è il termine ultimo per chiedere il bonus da 200 euro da parte dei lavoratori autonomi con partita Iva.

LEGGI ANCHE: Fino a 14mila euro di incentivi se rottami la tua vecchia auto

Inoltre, scade il termine del bonus da 550 euro per i lavoratori part-time con riferimento all’anno 2021. Il bonus autorizzato dal decreto Aiuti è riservato a coloro che hanno un contratto di lavoro part time ciclo verticale o multi – periodale; si tratta di lavoratori che hanno una prestazione lavorativa articolata su alcuni giorni del mese o su alcuni mesi dell’anno.

LEGGI ANCHE: RdC 2023: anno cuscinetto, il sussidio verso l’abolizione

Per ottenere il bonus occorrono dei requisiti; infatti, oltre ad essere titolari di contratto di lavoro a tempo parziale ciclico verticale nell’anno 2021 sono necessari periodi non interamente lavorati di almeno un mese in via continuativa, e complessivamente, non inferiori a sette settimane e non superiori a venti settimane. Inoltre, alla data di presentazione della domanda, che scade il 30 novembre, non bisogna essere titolari di altro rapporto di lavoro dipendente, trattamento da pensione o percettori della NASPI.