Trova 40.000 euro nella cassetta, l’incredibile scoperta

Incredibile scoperta a Ornago, in provincia di Monza Brianza. Ritrovati 40.000 euro nella cassetta delle offerte

Cosa devono sapere i pensionati che hanno prestiti o mutui
Banconote (Foto Adobe)

In tempo di inflazione e difficoltà a gestire le spese familiari trovare la buona disponibilità e la generosità diventa cosa molto più difficile. Le difficoltà arrivano anche per le piccole parrocchie che devono far fronte ai rincari di energia elettrica e alle difficoltà economiche dei fedeli.

Tuttavia, a Monza Brianza, precisamente a Ornago, c’è stata una gradevole sorpresa nella casetta delle offerte. Infatti, il parroco della chiesa di Sant’Agata di Ornago ha trovato nella cassetta delle offerte un assegno da 40.000 euro. Un gesto generoso da un fedele misterioso, afferma il parroco a Il Cittadino

Dono importante alla chiesa brianzola

pensione
Importante donazione alla chiesa in Brianza (Foto Unsplash)

“Ovviamente potete immaginarvi il nostro stupore. L’assegno era stato inserito in una busta anonima accompagnata da un messaggio, dove veniva espresso il desiderio di contribuire al restauro della chiesa e la richiesta di dedicare un ricordo durante la preghiera”, ha dichiarato don Mavero.

LEGGI ANCHE: Buste paga, a dicembre stipendio triplo per questi lavoratori

Non si riesce ad immaginare chi possa essere stato a compiere un gesto così generoso: “Non si ha proprio idea di chi possa essere. Nessuno si sarebbe aspettato una generosità così discreta e così grande. La scelta dell’anonimato rende però ancora più significativa questa dimostrazione di generosità. Chiunque abbia donato una cifra del genere avrebbe potuto farlo in pompa magna, richiamando l’attenzione su di sé. Invece ha scelto un’altra strada”.

LEGGI ANCHE: RdC 2023: anno cuscinetto, il sussidio verso l’abolizione

Don Arnaldo Mavero è sacerdote della comunità pastorale di Santa Maria Maddalena che oltre a Ornago riguarda anche Bellusco, Cavenago e Mezzago. Il sacerdote ha riferito di aver pensato molto all’identità del benefattore. Un’azione del genere arriva in un momento difficile anche per le piccole comunità parrocchiali. Le bollette e i rincari riguardano anche le comunità e le risorse sono poche se non arrivano le azioni generose dei fedeli. Non molte settimane fa un sacerdote aveva addirittura chiesto ai fedeli un sostegno maggiore nelle offerte dati i tempi difficili.