Tasse, l’Iva scende al 5% per questi beni

La manovra di bilancio è alla prova delle Camere che avranno il tempo di presentare delle modifiche. Intanto scende l’Iva per alcuni prodotti

Iva al 5% per i beni per l’infanzia (Foto: Alexander Drummer unsplash)

Il governo ha presentato la legge di bilancio, il documento programmatico di spesa dello Stato relativamente all’anno 2023. Si tratta del provvedimento più importante perché indirizza la spesa dello Stato per l’anno intero. Occorre, però, l’approvazione delle Camere affinché la legge diventi esecutiva a partire dal 2023.

Tuttavia, i parlamentari potranno presentare modifiche tramite emendamenti che non potranno cambiare i saldi. Ciò vuol dire che si dovrà agire intervenendo sulle risorse fissate in manovra che equivalgono a 35 miliardi totali. Sono diversi gli interventi sulla tassazione. C’è stato un dare e avere in tal senso i manovra.

Scende al 5% l’Iva sui prodotti per l’infanzia e per l’igiene femminile

assegno unico arretrati inps
Iva al 5% per i beni per l’infanzia (Foto unsplash)

Infatti, mentre sono aumentate le accise su benzina e tabacco, si abbassa l’Iva su alcuni beni. Si tratta, in particolare, di tutti i beni che riguardano l’infanzia e l’igiene femminile. Si va, quindi, dal latte in polvere, alle pappe per finire ai seggiolini dell’auto e ai pannolini per i bambini agli assorbenti per le donne.

Leggi anche: Lavorare per Re Carlo a 70mila euro l’anno: domanda entro il 27 novembre

L’aliquota per questi beni scende dal 10% al 5. L’intervento è in linea con altri interventi relativi alla natalità. Infatti, anche per l’assegno unico è prevista una maggiorazione del 50 per cento ulteriore per i figli fino al primo anno di età. Inoltre, dal terzo figlio in poi la maggiorazione è di un ulteriore cento per cento.

Leggi anche: Lo riconoscete? Oggi è un protagonista dei quiz show – VIDEO

Del resto anche per quanto riguarda il reddito di cittadinanza, con certezza c’è l’abolizione a partire dal 2024. Tuttavia, è prevista una nuova normativa sostitutiva che salvaguarderà il sussidio per le famiglie con minori a carico oltre a disabili e over 60 anni. Per tutto il 2023, quindi, il reddito di cittadinanza ci sarà anche se per i single di età tra 18 a 59 anni dopo 8 mesi sarà sospeso.