Buste paga, questi dipendenti riceveranno un aumento di 1.000€

L’inflazione colpisce soprattutto i redditi fissi e bassi. Per far fronte alla situazione sono arrivati diversi provvedimenti

Bonus (Foto Adobe)

L’inflazione è il ma più sentito in Italia e non solo. I redditi bassi e medio bassi stanno risentendo da mesi degli aumenti dei generi alimentari e delle bollette di luce e gas. Inoltre, le piccole imprese iniziano a sentire il peso delle bollette che nel terzo trimestre hanno avuto una ulteriore impennata.

E’ previsto un ulteriore aumento, poi, nel quarto trimestre, ossia per le bollette dei mesi di ottobre, novembre e dicembre. Alcune imprese hanno già annunciato di dover rivolgersi alla cassa integrazione per i propri dipendenti se le cose dovessero procedere in questo modo.

Inflazione, gli interventi in busta paga

Bonus ( Foto adobe)

 

Fortunatamente esistono poi realtà d’impresa più solide che oltre ad assorbire gli effetti degli aumenti di materie prime riescono anche a riconoscere dei bonus ulteriori ai dipendenti per far fronte all’inflazione. Molte imprese non solo di grandi dimensioni hanno messo in atto interventi in busta paga per sostenere i propri lavoratori.

Leggi anche: Reddito di cittadinanza, arrivano arretrati assegno unico: la data

Il gruppo RadiciGroup, ad esempio, ha stanziato più di 2 milioni di euro per offrire un contributo di 1.000 euro lordi una tantum ai propri dipendenti. Si tratta di circa 1.500 addetti delle sedi presenti sul territorio italiano. Un premio di 1.000 euro lordi è arrivato anche per i dipendenti della Brembo.

Leggi anche: Busta paga, nuovo bonus INPS da 150€: sarà automatico?

Si tratta della società leader per gli impianti frenanti che ha le proprie sedi principali a Bergamo. La società ha voluto dare “un segnale in un contesto macroeconomico italiano in cui il carovita è aumentato significativamente”. L’inflazione, quindi, è sentita in tutta l’area Euro ma in Italia si sta avvertendo particolarmente.

La società Acqua Sant’Anna Spa ha invece pensato di erogare uno stipendio aggiuntivo a tutti i dipendenti per affrontare la situazione della perdita del potere di acquisto dei redditi. Tra le piccole imprese, la Labomar ha offerto ai 300 dipendenti un assegno di 700 euro in più per far fronte agli aumenti.