Postepay, sai che in caso di urgenza puoi prelevare anche qui?

Postepay, c’è una notizia relativa al prelievo dei propri contanti che non tutti sanno: ecco una soluzione in caso di necessità 

Postepay, in caso di urgenza si può prelevare in banca?
PostePay (Foto Poste Italiane)

Difficile non conoscere la carta ricaricabile PostePay. Dal suo esordio ha raccolto un importante riscontro tra un pubblico, avvezzo agli strumenti di gestione del risparmio, assolutamente trasversale. Anche i clienti al di fuori del circuito dei servizi di Poste Italiane hanno avuto modo apprezzarne la semplicità d’uso, quella che l’ha sempre caratterizzata anche nelle successive evoluzioni.

Prima del suo esordio, non vi sono stati precedenti che anticipassero il modello, e il successo, infatti, non si è fatto attendere. Molti l’hanno attivata grazie alle bassissime spese di gestione, fuori dal paragone delle spese di apertura di un conto corrente; dunque, è stata adottata con soddisfazione da coloro che non vogliono o non possono aprire un conto (si pensa a quelli che non possono alimentare sufficientemente un conto e sostenerne le spese).

Postepay, prelievo anche agli ATM bancari purché abilitati

Postepay, in caso di urgenza si può prelevare in banca?
PostePay Evolution (Foto Poste Italiane)

La PostePay è sostanzialmente apprezzata per il fatto di poter disporre di denaro quanto basta per le immediate necessità di spesa. Anche coloro che possiedono una carta bancomat o una carta di credito, non hanno esitato ad attivare la carta prepagata delle Poste per una semplice ragione: utilizzarla al posto delle altre carte nel contesto di determinati acquisti o passare la banda magnetica sul POS di qualche esercizio commerciale con sospetti di scarsa fiducia.

Leggi anche: “Attenzione a questi segnali”. L’avviso di Poste a tutti i clienti

Insomma, è bene impegnarla quando non ci fidiamo troppo e prevediamo il rischio di clonazione (sempre meglio che evitare di vedersi sottrarre la giacenza attraverso il bancomat). D’altro canto, anche gli utenti giovani e giovanissimi hanno avuto modo di apprezzarla, portando denaro con sé senza contanti, mentre i genitori possono al contempo gestire i bisogni di spesa dei propri figli.

Leggi anche: Novità Postemobile: con appena 7€ c’è un pacchetto super

L’importante è cogliere le opportunità di ricarica, preferibilmente tramite ufficio postale o sportello ATM postale e appoggiandosi sui servizi BancoPosta personali che fanno spendere solo 1 euro in commissione. Ma è altrettanto essenziale che si possono effettuare prelievi di denaro dagli sportelli automatici. E non solo ATM di Poste Italiane: anche all’esterno di una filiale bancaria, laddove l’ATM è abilitato, possiamo decidere di prendere del contante. Da banca la commissione è di 1,75 euro; da sportelli bancari esteri (non Euro) abilitati, il costo del prelievo è pari a 5 euro.