Assegno Unico INPS: se commetti questo errore lo perdi

L’assegno unico universale per i figli a carico prevede l’invio della richiesta da parte dell’interessato: Ciò può comportare degli errori

Assegno unico universale (Foto Adobe)

L’assegno unico universale è la nuova misura di sostegno alle famiglie con i figli a carico introdotta a partire da quest’anno. E’ uno strumento che cambia i precedenti aiuti alle famiglie sotto diversi aspetti. Intanto la misura nasce per semplificare le procedure. Infatti, l’assegno unico sostituisce l’assegno familiare, che rimane in vigore solo nei nuclei familiari senza figli a carico.

Infatti, sono state sostituite anche gran parte delle detrazioni per i figli a carico ed è stata allungata l’età di percezione del figlio fino a 21 anni. Tuttavia, dai 18 anni in avanti è prevista una riduzione della misura. L’assegno unico viene erogato in base all’Isee familiare. Inoltre, favorisce le famiglie più numerose e con redditi più bassi.

Assegno unico universale, arriva la beffa per chi non lo richiede

Assegno unico universale (Foto Adobe)

Altra novità è la modalità di ricevimento. Infatti, l’assegno unico universale viene erogato soltanto alle persone che lo richiedono. L’avente diritto, quindi, non riceverà nulla in automatico. Il datore di lavoro non fa parte più del rapporto tra ente e interessato come accade con l’assegno familiare, erogato attraverso la busta paga.

Leggi anche: Naspi agosto, quando arriva il pagamento: la data

Questo sistema ha permesso di evitare frodi ai danni dei lavoratori, facilitare le pratiche evitando giroconti e coinvolgendo anche i lavoratori autonomi senza busta paga. In precedenza, infatti, costoro non percepivano alcun sostegno peri figli a carico. In tal modo si è allargata la platea dei percettori della misura di sostegno alle famiglie.

Leggi anche: Reddito di cittadinanza, il bonus 200 euro si potrà prelevare?

Quindi, l’errore principale che si può commettere perdendo mensilità dell’assegno unico è quello di non inoltrare la domanda pensando che l’erogazione sia automatica. Sarebbero, infatti, circa un milione le famiglie che hanno diritto all’assegno unico universale per i figli a carico he non ne hanno fatto richiesta. Costoro hanno perdo anche gli arretrati visto che per ottenerli andava inoltrata la domanda dell’assegno unico universale entro il 30 giugno del 2022.