Prodotto ritirato dal mercato: presenza di ossido di etilene

Via dagli scaffali la tradizionale pientanza importata dalla Thailandia: questa sostanza è presente oltre il consentito. Di cosa si tratta

Prodotto ritirato dal mercato: presenza di ossido di etilene
Pancit Canton (Foto YouTube)

All’interno dei nostri supermercati, lo sdoganamento di prodotti alimentari, per così dire, “etnici” è avvenuto oramai in tempi non sospetti; e per quanto possa presentarsi come una novità, una determinata ricetta confezionata, oppure un certo ingrediente non proprio della tradizione peninsulare, troverà prima o poi posto negli scaffali, come risposta alla domanda di un pubblico sempre più eterogeneo.

Prima o poi si dirà che trattasi comunque di un’operazione commerciale, ma non v’è dubbio che vada pure considerato come un segno dei tempi. Le nostre città includono da molti anni sia grandi comunità di popoli extracomunitari che minoranze etniche: l’accoglienza di questi gruppi ha dato vita ad un processo binario di integrazione, ovverosia costituito dall’accettazione delle norme legislative e sociali del Paese ospitante e arricchito dall’apporto di alcuni usi e costumi di queste lontane tradizioni all’interno delle dinamiche sociali.

Noodles cantonesi al supermercato: superati di limiti consentiti dalla legge

Prodotto ritirato dal mercato: presenza di ossido di etilene
Pancit Canton chow mein noodles istantanei Lucky Me! gusto “hot chili” (Foto Adobe)

Una delle migliori opportunità per esprimere al meglio l’integrazione intessuta di conoscenza reciproca è data ovviamente dalla cucina: con la graduale capillarità di nuovi prodotti, talvolta viene la voglia di sperimentare, andare oltre le solite ricette e di superare i confini del gusto. In fondo, anche un piatto sui generis consente di fare un lungo viaggio di scoperta.

Sta di fatto, è stato dunque inevitabile che anche gli spazi della spesa potessero divenire sempre più cosmopoliti. I punti della grande distribuzione sono frequentati agevolmente da persone fuori dalla nostra cultura, divenendo per loro delle aree di riferimento, nella stessa misura di generazione di autoctoni; d’altronde, tante etnie sono scivolate dentro una platea di consumatori estremamente eterogenea.

Leggi anche: Presenza di allergeni: prodotti richiamati dai supermercati

Per incontrare il gusto autentico di questo nuovo “pubblico”, si ricorre spesso all’importazione. L’attenzione deve essere massima in quanto taluni prodotti si scontrano con le norme di sicurezza sanitaria ed alimentare del nostro Paese; come nel caso del recente richiamo da parte del Ministero della Salute di un lotto di Pancit Canton chow mein noodles istantanei gusto “hot chili” a marchio Lucky Me!

Leggi anche: Carrefour ritira questo prodotto dagli scaffali: l’amara scoperta

I tradizionali noodle fritti originari della cucina cantonese cinese (in questa insolita variante messicana) attualmente oggetto di ritiro, riguardano le confezioni da 60 grammi appartenenti al lotto di produzione 27/07/2021, con il termine minimo di conservazione (Tmc) 27/07/2022, prodotto dall’azienda Monde Nissin (Thailand) Co. Ltd. in Thailandia. Il motivo è la presenza di ossido di etilene oltre ai limiti di legge. Si raccomanda pertanto, di non consumare precauzionalmente i noodles facenti parte della segnalazione e restituirli al punto vendita.