Reddito di cittadinanza: nuove chiamate di lavoro, chi riguarda

In arrivo una proroga dei contratti per coloro che si occupavano delle istanze relative al reddito di cittadinanza

lavoro
Navigatori (Foto Adobe)

Il reddito di cittadinanza è la misura di sostegno alla lotta alla povertà in vigore in Italia dal 2019. La misura ha come parametro di riferimento la cifra considerata soglia di povertà a livello europeo. Si tratta di 780 euro per la singola persona. Nello caso specifico del reddito di cittadinanza, il percettore singolo riceve 500 euro di credito su una apposita carta di pagamento di 500 euro.

Ulteriori 280 euro sono erogati a copertura parziale di un eventuale affitto della casa principale. La misura è spesso al centro del dibattito politico tra chi è contrario ad un sussidio e chi punta il dito sulle frodi. La spesa pubblica annua del reddito di cittadinanza si aggira introno a poco meno di 7 miliardi di euro.

Reddito, richiamati i navigator

oroscopo lavoro
Lavoro (foto Adobe)

Ad occuparsi di gestire le pratiche relative ai percettori del reddito di cittadinanza in seno ai centri per l’impiego regionali sono stati i navigator. Per costoro è arrivata una novità. Infatti, i contratti di questi impiegati era a termine perché finalizzati al reddito di cittadinanza che aveva inizialmente una programmazione triennale.

Leggi anche: Bonus 200 euro: anche questi lavoratori resteranno esclusi

La notizia è che i navigatori hanno ricevuto un nuovo contratto che scadrà ad ottobre del 2022. Infatti, negli ultimi 24 mesi i percettori del redito di cittadinanza che hanno trovato lavoro sono stati il il 37,8% del totale. La proroga è stata concessa principalmente perché molte regioni non hanno ancora pubblicato i bandi per il programmato piano di assunzioni nei centri per l’impiego nonostante le disponibilità ottenute dal ministero del lavoro.

Leggi anche: Bonus fino a 3.000 euro per questi lavoratori: l’iniziativa

I navigator, i cui contratti erano già scaduti da tempo, sono stati quindi richiamati per proseguire, almeno fino ad ottobre, alla carenza di personale nei centri per l’impiego. I rinnovi riguardano 1.000 lavoratori per i quali è stata garantita una corsia preferenziale in merito ai prossimi bandi di concorso per assumere personale presso i centri per l’impiego. Sono previsti, infatti, diversi bandi.