Partite Iva, bonus 200 euro: spunta la data pagamento

Il bonus da 200 euro definito dal decreto Aiuti e energia è previsto anche per i lavoratori autonomi

bonus abruzzo
Bonus 200 euro (Foto Adobe)

Al fine di affrontare il difficile periodo economico legato all’inflazione in corso, il Governo è intervenuto con un provvedimento di necessità e urgenza. E’ stato, infatti, emanato un decreto legge, Aiuti e energia, con l’obiettivo di sostenere in parte le categorie che stanno subendo maggiormente gli effetti dell’inflazione.

Oltre agli interventi specifici nel settore energetico il Governo ha deciso anche di offrire una tantum un bonus da 200 euro ai lavoratori e ai pensionati. Rientrano nella categoria dei beneficiari anche i lavoratori autonomi. Il tetto fissato per costoro dovrebbe essere lo stesso determinato per pensionati e dipendenti, ossia 35.000 euro.

Bonus 200 euro, il pagamento per gli autonomi

bonus abruzzzo
Bonus 200 euro (Foto Adobe)

Tuttavia, non ci sono ancora riferimenti precisi in tal senso. Si conosce con certezza che entro trenta giorni dalla pubblicazione del decreto Aiuti e energia in Gazzetta Ufficiale, ci saranno trenta giorni di tempo per emanare un decreto ministeriale attuativo che illustrerà le modalità di erogazione anche per i lavoratori autonomi.

Leggi anche: Pensioni INPS: chi dovrà restituire il bonus di 200 euro

Spunta, tuttavia, anche una data per i pagamenti di questa categoria di lavoratori. Secondo il Sole24ore, infatti, tutti i pagamenti del bonus dovrebbero essere erogati sempre a luglio, così come previsto anche per pensionati e lavoratori dipendenti. Il bonus, erogato una tantum, rientra nella manovra predisposta dal decreto di 14 miliardi di euro ottenuti tassando i profitti extra delle società energetiche.

Leggi anche: Trasporti, in arrivo il bonus da 60 euro: chi può utilizzarlo

Le congiunture economiche, infatti, hanno fatto lievitare i prezzi delle bollette di luce e gas ma, nel contempo, hanno favorito alcune società energetiche che hanno moltiplicato gli utili. Su questo extra gettito è intervenuto l’esecutivo agendo sul principio di distribuzione della ricchezza giustificato dal particolare momento dell’economia internazionale e interna.

L’aumento dei costi energetici ha costretto i produttori e i distributori di merce ad aumentare i prezzi per un effetto a catena che si sta facendo sentire sui bilanci familiari e nella gestione delle piccole imprese. Per questo motivo il Governo è intervenuto adottando un decreto che ha previsto nuovi strumenti.