Poste, buono 4×4: quanto si guadagna con 5.000 euro?

Investendo con buoni fruttiferi di lungo periodo, Poste Italiane garantisce un rendimento certo e sicuro. Vediamo perché conviene

rendimenmto buoni fruttiferi
Buoni fruttiferi postali (foto Adobe)

Il buono postale è uno degli strumenti più “antichi” delle Poste Italiane per valorizzare sulla pura scia del tempo una somma particolarmente cospicua (ma non è detto) per la quale ci si può permetterci, per qualche anno, di non utilizzarla e lasciarla maturare. Tradizionalmente molti genitori, sin dalla nascita del proprio figlio, hanno deciso di depositare alla poste un gruzzolo da destinare al futuro del loro erede, investendola con l’occasione su soluzioni di lungo periodo.

Poste Italiane, come si sa, mette a disposizione una variegata gamma di buoni fruttiferi. Ovviamente, il lungo periodo di giacenza consente di attraversare gli anni senza troppi rischi e senza incappare in repentine percentuali al ribasso, compensando un rendimento magati non altissimo, ma importante, con la certezza di ottenerlo.

Buono fruttifero 4×4, quale rendimento si matura dopo 16 anni?

buoni fruttiferi rendimenti
Buoni fruttiferi postali (foto Adobe)

Si tratta pertanto di un buon modo per le famiglie, ma anche per i singoli, di investire degli importi personali in maniera da non dover sorvegliare timorosamente il proprio saldo; l’appuntamento è rimandato al giorno in cui il buono è in scadenza e non si debba che riscuoterlo, decidendo di versare la cifra sul proprio conto corrente, oppure di rinviarla all’apertura di un nuovo buono o ad altre forme di investimento.

Leggi anche: Poste, buono 5×5 con 5.000€: ecco quanto ti ritroveresti

Un esempio è rappresentato dal Buono fruttifero 4×4, un tipico esercizio di investimento su durate medio-lunghe con la garanzia della certezza sul rendimento. Ogni quattro anni maturano gli interessi; quindi, se giunge inaspettatamente la necessità di ritirare l’importo, si può chiedere in qualsiasi momento il rimborso del Buono, ma scegliendo di chiedere la restituzione del capitale investito dopo 4, 8 e 12 anni, si ha diritto a ricevere gli interessi maturati riconosciuti.

Leggi anche: Libretti, Poste rescinde il contratto: chi perderà i soldi

Per gli oneri fiscali, come la tassazione comunque agevolata del 12,50% sugli interessi. Per sottoscriverne uno, basta anche un piccolo importo, come 50 euro, fino a crescere per  i suoi multipli. I buoni 4×4 sono emessi da Cassa depositi e prestiti S.p.A., garantiti dallo Stato italiano; scadono al completamento del 16° anno: pertanto, chi investito una quota iniziale di 5.000 euro, mantenendo in vita il buono fino alla sua naturale scadenza, otterrai un saldo di 5.555,59 euro.