Cartelle esattoriali, attenzione a fine mese: scadenza importante

Il 30 aprile arriva la prima scadenza di alcune cartelle dell’Agenzia delle Entrate senza pagare sanzioni e interessi

canone rai cartella esattoriale
Cartella esattoriale (foto Adobe)

E’ tempo di scadenze per i contribuenti italiani. L’addio allo stato di emergenza sanitario del Paese, avvenuto dal primo giorno del mese di aprile per effetto della scadenza del provvedimento che durava da due anni, sta riportando l’Italia alla normalità. Si allentano le restrizioni, vanno via man mano tutte le misure di sostegno legate alla pandemia.

A queste ultime si aggiungono, però, anche le agevolazioni legate al pagamento di tributi e cartelle. Infatti, per venire incontro ai contribuenti durante la delicata fase economica conseguente alla pandemia, per molte categorie sono stati sospesi i contributi previdenziali e per altre sono state avviate pratiche favorevoli per il pagamento di debiti pregressi con il fisco.

Cartelle esattoriali, scadenza importante in arrivo

Cartelle esattoriali
Cartelle esattoriali (Foto Pixabay)

L’addio ai provvedimenti agevolati comporta l’arrivo dei pagamenti. Il prossimo 30 aprile 2022, infatti, scade il pagamento delle cartelle esattoriali rientranti nel cosiddetto decreto Rottamazione-ter. Si tratta dell’ulteriore proroga della scadenza concessa a coloro che non sono riusciti a pagare le cartelle entro la precedente scadenza del 9 dicembre 2021.

Leggi anche: Assegno unico INPS, maggiorazioni anche per queste famiglie

La Rottamazione-ter, infatti, consiste in un accordo su cartelle di pagamento pagabili senza interessi di mora e sanzioni aderendo all’iniziativa del Governo. Un modo per tentare di recuperare introiti dovuti da parte delle istituzioni. Ai contribuenti che non erano riusciti a pagare entro il 9 dicembre 2021 è stata concessa una ulteriore proroga.

Leggi anche: Prelievo bancomat, ecco chi rischia seri controlli

Quest’ultima, però, scade tra pochi giorni, il 30 aprile 2022. Nello specifico questa scadenza fa riferimento al calendario delle rate di pagamento delle cartelle esattoriali del 2020, anno in cui la pandemia ha raggiunto i suoi livelli massimi di pericolosità. Le rate del 2020 che vanno pagate adesso fanno riferimento a questo calendario:

  • 28 febbraio 2020;
  • 31 maggio 2020;
  • 31 luglio 2020;
  • 30 novembre 2020.
  • Il 30 aprile è la prima scadenza da pagare per evitare sanzioni e interessi di mora. E’ prevista, tuttavia, una tolleranza di cinque giorni. Le scadenze successive previste dal nuovo calendario e relative ad altri pagamenti sono:
  • 31 luglio 2022 per le rate in scadenza nel 2021.
  • 30 novembre 2022  per le rate del 2022.