Assegno unico INPS, arrivano i conguagli: ecco quando

Le diverse fasi della presentazione delle domande ha aperto alla prima fase dei conguagli. Quando avverranno

assegno unico inps ritardi motivi
Assegno unico Inps (Foto Adobe)

A marzo si sono contati 4,8 milioni destinati ai nuclei familiari a cui è giunto l’Assegno unico e universale. Ciò significa ad altrettanti figli a carico di queste stesse famiglie. Sappiamo come i richiedenti sono stati inseriti all’interno della misura di sostegno in tornate differenti, perché non tutti gli aventi diritto hanno presentato la domanda entro il 28 febbraio. Questo disallineamento non è stato “nocivo” all’erogazione, ma ha comportano tempi diversi di pagamento e di alternanza tra le tranche.

C’è chi, quindi, ha atteso la prima tranche alle porte del mese di aprile. Ciò però non è dovuto solo alla tardiva acquisizione della domanda da parte dell’Inps ma pure alle differite presentazioni della comunicazione ISEE, senza che peraltro che siano mancate errate presentazioni della domanda; l’Ente di Previdenza ha pertanto programmato il pagamento degli arretrati o anche al recupero delle somme percepite non dovute.

Assegno unico INPS, l’ISEE determinerà i tempi del conguaglio

Assegno unico problemi domande
Assegno Unico INPS (Foto Adobe)

L’INPS è al lavoro sul calcolo dei conguagli mentre sarà una decisione spettante ai nuclei familiari quella di ricevere o pagare le somme ogni mese oppure dilazionare l’impegno ogni quattro mesi, tra le scadenze di giugno, settembre e dicembre. La variabile che influenza lo svolgimento di quanto da restituire o avere è data dal reddito ISEE comunicato; nel dettaglio, il suo tempo di presentazione, completamente sconnesso dalla domanda per l’AUU.

Leggi anche: INPS, beffa assegno unico: niente bonus per questi genitori

In genere, la comunicazione è avvenuta in un secondo momento, quindi dopo la richiesta che nel frattempo si è tramutata nell’erogazione della prima tranche. Quest’ultima è stata stimata dell’importo dell’assegno base, e dovrà pertanto far seguito l’aggiustare secondo la situazione familiare data esattamente dall’Indicatore economico familiare. Nell’attesa di ricevere le ricevere le opportune indicazioni, l’INPS elargirà l’importo minimo di 50 euro per ogni figlio a carico.

Leggi anche: Casa per le vacanze a 1 euro: dove poterla acquistare

Per il 10% delle domande inviate, si è riscontrato un altro problema: l’ISEE errato. I conguagli potranno risultare eventualmente a sfavore, quindi occorrerà per le famiglie restituire gli importi percepiti in eccedenza. Ma concorrerà anche il cambiamento nel nucleo familiare, quale la nascita di un nuovo figlio, il riconoscimento di un’invalidità o la perdita del lavoro. Il tempo di ricevimento degli arretrati: ancora per le domande di richiesta AUU, gli arretrati, ancora fino a marzo, verranno distribuiti entro 60 giorni.