Pensione di reversibilità, si può aggiungere questo bonus INPS

La pensione di reversibilità spetta ai coniugi o ai figli di un defunto pensionato o lavoratore. E’ compatibile con l’assegno unico?

pensione reversibilità inps
Pensione reversibilità Inps (Foto Adobe)

La pensione di reversibilità si chiama anche pensione ai superstiti. Anche per sottolineare che è una forma di risarcimento economico da parte dello Stato nei confronti del coniuge appena rimasto vedovo o dei figli orfani. Di conseguenza è una prestazione previdenziale che spetta di diritto. Viene percepita nella misura del 60% per un coniuge solo, dell’80% per un figlio a carico e del 100% per due figli a carico.

Quindi i fattori che influenzano l’importo della pensione di reversibilità, che il coniuge percepisce per tutta la vita o fino a nuove nozze, sono fondamentalmente due. Il reddito personale ed il numero di figli a carico. Ovviamente partendo dalla pensione base del coniuge defunto. Come già detto la pensione di reversibilità spetta di diritto. Anche l’assegno unico ed universale spetta di diritto a tutte le famiglie con figli a carico. Ma in alcuni casi la sovrapposizione dei due benefici economici porta ad escluderne uno.

Pensione di reversibilità, l’Inps la considera compatibile con l’assegno unico?

Pensione reversibilità assegno unico
Assegno unico (Foto Pixabay)

Sulla carta . Infatti basta avere figli a carico per poter fare domanda all’Inps dell’assegno unico. Ma in alcuni casi la situazione può essere più complicata. Ad esempio se la pensione ai superstiti, o di reversibilità, rende autonomo economicamente il figlio maggiorenne. In tal caso, il figlio maggiorenne a carico non viene più considerato tale perché possiede un assegno che contribuisce a fare reddito.

Leggi anche: Pensioni INPS, gli eredi devono restituire soldi in questo caso

Leggi anche: INPS, bonus vacanze da 1.000€: chi può ottenerlo

Ma questa è un’eventualità molto remota. Infatti con la Legge Bilancio 2017 è stata introdotta l’esenzione Irpef per i primi 1.000 euro delle pensioni di reversibilità corrisposte agli orfani. Di conseguenza, facendo dei calcoli rapidi, un figlio dovrebbe percepire una reversibilità superiore ai 5.000 euro per non essere considerato a carico. Si può dire, in sostanza, che a parte questi casi, piuttosto rari date le alte cifre, la pensione di reversibilità è compatibile con l’assegno unico. Quindi un genitore con figli a carico può fare domanda senza troppe esitazioni.