Obbligo vaccinale, altro che 100€: ecco la vera stangata

Ecco le sanzioni per i non vaccinati. la cifra può salire di molto. Ma questo decreto legge non convince appieno

parcheggio contromano
(Pixabay)

Sono giorni che sull’autobus, al bar, o in altri luoghi pubblici si torna a parlare di vaccini come argomento centrale. Ed in qualche modo lo è, soprattutto perché la confusione dilaga, ed evidentemente le informazioni non sono state sufficientemente “leggibili”, per cui è facile ascoltare distorsioni del nuovo decreto legge che non impone il vaccino, ma fa in modo che i non vaccinati non abbiano più una vita, ed introduce sanzioni anche pesanti.

Particolarmente in discussione l’obbligo vaccinale per gli over 50, entrato in vigore pochi giorni fa ed effettivo dal 1° febbraio. Gli italiani con età anagrafica pari o superiore a 50 anni saranno obbligati a vaccinarsi, pena una sanzione di 100 euro una tantum. Ed immediatamente sono scattate le polemiche da parte di chi, trova il decreto un ostacolo alla libertà di scelta, e chi al contrario, ritiene che 100 euro siano una sanzione fin troppo blanda. Ed il Governo risponde che non è così.

Vaccini, sanzioni fino a 1200 euro per chi non rispetta le regole

(Pixabay)

La multa di 100 euro una tantum si riferisce ad un over 50 “pizzicato” casualmente a passeggio. Ma in assenza del Green pass rafforzato, e quindi del vaccino (o guarigione recente), sul luogo di lavoro, la sanzione è di ben altro calibro. Se un lavoratore viene trovato sprovvisto di Green pass rinforzato sul posto di lavoro la multa è dai 600 ai 1.200 euro. E qui la storia è un po’ differente.

Leggi anche: Canone Rai, arriva la prima rata e l’avviso in bolletta

Leggi anche: Bonus asilo nido INPS: chi rischia di non avere i soldi

Si ricorda che per super green pass, o green pass rinforzato, si intende il certificato covid di chi è guarito dal virus (con validità 6 mesi), o chi ha fatto il vaccino. Per chi inizia ora il piano vaccinale anche la prima dose dà il super green pass, che scadrà se non si provvederà a fare la seconda. I non vaccinati che non vogliono incorrere in sanzioni dovranno provvedere entro il 31 gennaio. Dal 1° febbraio entreranno in vigore le sanzioni.