Covid, nuove regole: cosa non potranno fare i non vaccinati 

A gennaio cambiano le regole per i non vaccinati. Maggiori restrizioni e meno attività pubbliche possibili permesse

no vax restrizioni
pixabay

Il Governo ha aumentato la stretta dopo i rapidi aumenti dei contagi dovuti alla diffusione della nuova variante Omicron. Le festività natalizie, gli incontri e i cenoni daranno una ulteriore spinta ai contagi con gli ospedali che avvertono già da diversi giorni una nuova pressione così come manifestato da diversi medici. La nuova stretta riguarda soprattutto i non vaccinati che a partire dal 10 gennaio non potranno fare diverse attività pubbliche.

Le restrizioni per i non vaccinati

no vax restrizioni
Covid treno (Foto Pixabay)

Si tratta dell’allargamento del Super Green Pass, ossia il certificato verde rafforzato dal fatto che si può ottenere soltanto con il vaccino e non con il tampone come accade per il Green Pass base. Dal 10 gennaio, quindi, i non vaccinati non potranno accedere ai mezzi pubblici locali nonché a treni ed aerei. Stessa sorte per alberghi e strutture ricettive. Inoltre, non potranno partecipare a feste, cerimonie, sagre e fiere; congressi;

Leggi anche: Mascherine Ffp2, c’è l’accordo sul prezzo: quanto costeranno

servizi di ristorazione all’aperto; impianti di sci; piscine, sport di squadra anche all’aperto; centri culturali, sociali e ricreativi per le attività all’aperto. La stretta, quindi, vale anche per musei, piscine e centri benessere al chiuso, palestre, centri termali e parchi divertimento, centri culturali e ricreativi al chiuso, sale gioco, sale bingo e casinò. Queste limitazioni saranno in vigore fino al 31 marzo, data che coincide anche con la durata dello stato di emergenza.

Leggi anche: Gratta e Vinci: così capisci subito se il biglietto è vincente

Nulla è stato ancora deciso, invece, per quanto riguarda il lavoro. Ad oggi alcuna restrizione è stata approvata ma si discute se allargare il Green Pass rafforzato anche per le attività lavorative. Si va, in sostanza, verso l’obbligo vaccinale. Non è da escludere una decisione anche in tal senso. Sul tavolo del Governo c’è anche l’ipotesi tedesca e austriaca; si tratta del lockdown per i non vaccinati.