INPS, da luglio cambieranno le pensioni per questa categoria

Le pensioni sono e saranno oggetto di ulteriori riforme. Molto è stato già cambiato per il 2022, in particolare per una categoria

giornalisti da inpgi all'inps
Sito Inps (Foto Adobe)

Il 2022 è un anno di riforme e molto sta cambiando anche nel settore delle pensioni. Ulteriori riforme arriveranno entro tutto il 2023. E’ aperto un tavolo tra parti sociali e Governo per discutere soprattutto una norma strutturale per l’anticipo della pensione rispetto alla legge Fornero, che rappresenta la norma ordinaria. Altri cambiamenti hanno riguardato gli importi co le pensioni adeguate all’inflazione a partire dal primo assegno del 2022.

Giornalisti dipendenti passano all’Inps

giornalisti da inpgi all'inps
Foto (Screenshot Ebay)

Una delle novità più sostanziali riguarda il passaggio, dal 1 luglio 2022, delle pensioni dei giornalisti dall’Inpgi all’Inps. La legge di Bilancio 2022, articolo 1, commi 103-118 ha disciplinato il passaggio all’Inps della gestione sostitutiva Inpgi. Si tratta di giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti titolari di un rapporto di lavoro subordinato di natura giornalistica. Nulla cambierà sostanzialmente per coloro che sono già in pensione. I giornalisti che godono già dell’assegno vedranno soltanto un passaggio formale dall’Inpgi all’Inps.

Leggi anche: Digitale terrestre: ecco come ritrovare SkyTg24, Cielo e TV8

I giornalisti che saranno invece in pensione da luglio 2022 in poi, passeranno dal regime pro rata previsto per i dipendenti dell’Inps. Ciò vuol dire che il calcolo della pensione sarà effettuato secondo le norme dell’Inpgi per i contributi versati fino al 30 giugno 2022, e per le norme del fondo pensione lavoratori dipendenti (Fpld) dell’Inps per i contributi versati dal 1 luglio 2022. Per quanto riguarda il pensionamento, le regole ordinarie sono uguali sia per l’Inpgi che per l’Inps, ossia 67 anni di età e 20 di contributi.

Leggi anche: Conto corrente, rischio stangata nel 2022: il motivo

Unica opzione che resterà in vigore e che era valida solo per gli iscritti all’Inpgi riguarda la pensione anticipata a 41 anni  (41 gli uomini) e 10 mesi di contributi indipendentemente dall’età. Non si è ancora espresso l’ente di previdenza nazionale invece sulle pensioni di reversibilità. L’inpgi, in tal senso, offre una norma di maggior favore peri superstiti rispetto all’Inps. Restano all’Inpgi i giornalisti autonomi.