Bancomat, vero che serve il Green Pass per prelevare?

Sui social network sta correndo la notizia secondo cui senza il Green Pass non sarebbe possibile prelevare soldi al bancomat 

Bancomat
Bancomat (Foto Adobe)

“Per prelevare al bancomat bisogna avere il Green Pass”. Questa segnalazione sta arrivando da molti clienti di istituti bancari che stanno testimoniando come non riescano a prelevare allo sportello ATM senza il Green Pass.

La segnalazione corre sui social network ed in breve tempo è diventata virale: foto, commenti e condivisioni che ritraggono, all’interno del monitor di un Atm, un Qr code come quello del Green pass. Cosa c’è di vero in tutto questo?

Bancomat, si preleva solo con il Green Pass?

Bancomat
Bancomat (Foto Adobe)

Come ben sappiamo a partire da lunedì 6 dicembre è entrato in vigore il Green Pass rafforzato. La sua introduzione ha portato in confusione molte persone che, a distanza di giorni, ancora non hanno capito la differenza tra il Green Pass base e, appunto, quello rafforzato. Ma serve veramente il Green Pass per prelevare i soldi allo sportello ATM?

Leggi anche: Stangata bancomat, si comincia nel 2022: cosa cambia

«No green pass no prelievo? No mangi. Grazie» scrivono nei post Facebook condividendo la foto di uno sportello bancario con un QR code nello schermo. «Siamo arrivati a quel che si pensava noi Complottisti?». E ancora “No grinkax no prelievo? Siamo arrivati a quel che si pensava noi Gombloddisdi?”.

Sciogliamo subito questo dubbio: l’ingresso in banca e negli uffici pubblici è sempre concesso, anche senza la certificazione verde. Sono comprese le aree al chiuso dove sono presenti i bancomat e gli altri sportelli automatici. Ovviamente non ci sono problemi per i bancomat situati in strada.

Leggi anche: Pensione minima da 523€: chi può richiederla nel 2022

Quella che sta circolando sul web è dunque una bufala. Le foto caricate dagli utenti nei post bufala non sono altro che codici Qr per permettere il prelievo di contanti senza l’utilizzo della carta. Molti bancomat offrono infatti questa possibilità: basta dotarsi di un dispositivo con tecnologia NFC o uno smartphone con fotocamera che possa leggere i codici Qr. I Qr code sono infatti impiegati per le informazioni crittografate e per la conferma dell’identità.

La presenza di un QR code non equivale dunque alla presenza di un Green pass. La certificazione verde, inoltre, necessita della lettura dell’applicazione VerificaC19 e tali controlli non sono affatto previsti per le operazioni dallo sportello delle banche.