Reddito di cittadinanza, quest’errore banale fa perdere il sussidio

Il reddito di cittadinanza è lo strumento di lotta alla povertà previsto da tre anni. Per ottenerlo e conservarlo occorrono dei requisitiReddito di cittadinanza

Il reddito di cittadinanza è lo strumento di lotta alla povertà introdotto dal Governo nel 2018 in sostituzione del reddito d’inclusione, o meglio conosciuto come carta Rei per identificare il sussidio attraverso la carta di utilizzo. Per ottenere il reddito di cittadinanza sono necessari determinati requisiti. Bisogna avere un determinato livello di reddito e vanno considerati i valori nel patrimonio come veicoli o case di proprietà o danaro in banca. Inoltre, questi requisiti sono valutati per l’intero nucleo familiare.

Reddito, perdita di sussidio e sanzioni

Reddito di cittadinanza
Reddito di cittadinanza (foto: pixabay)

Il sussidio può arrivare ad un massimo di 500 euro per una persona più altre 280 euro previste come contributo per il fitto dell’abitazione principale. Tuttavia, questi requisiti devono essere conservati nel tempo affinché si possa continuare a ricevere il contributo. Non aggiornare i requisiti può comportare la richiesta di restituzione in una sola soluzione che metterebbe in difficoltà delle persone presumibilmente non abbienti.

Leggi anche: Pensione di cittadinanza, è prevista la tredicesima?

In sostanza, il sussidio si può perdere se viene meno un requisito determinante. Tra i casi previsti c’è quello relativo alla mancata comunicazione dell’eventuale variazione della condizione occupazionale. In questo caso, qualora la situazioni occupazionale cambi nuovamente, ripristinando le condizioni per ottenere il beneficio, è necessario presentare una nuova domanda.

Leggi anche:  Cashback di Stato: ecco i reali motivi dello stop

Caso diverso e molto più pesante sotto il profilo sanzionatorio è quello relativo alle comunicazioni mendaci tali da produrre un beneficio economico maggiore del reddito di cittadinanza. In tal caso il dichiarante rischia la reclusione da due a sei anni. È prevista, poi la reclusione da uno a tre anni nei casi di omissione della comunicazione all’ente erogatore delle variazioni delle condizioni di reddito o patrimonio. Queste sanzioni sono accompagnate dalla perdita del beneficio di Stato.