Naspi, è prevista la tredicesima mensilità a dicembre?

Il mese di dicembre porta con sé per lavoratori e pensionati la tredicesima. Ma questa spetta a chi beneficia della Naspi?

Naspi
Pixabay

Il mese di dicembre porta un dolce regalo economico ai dipendenti statali e ai pensionati: la gratifica natalizia, ovvero la tredicesima mensilità.

La tredicesima sarà aggiunta all’ultimo stipendio dell’anno e andrà a riempire le tasche dei lavoratori e pensionati italiani in questo 2021 reso difficile e pesante a causa del Covid -19.

In molti si chiedono se anche chi riceve la Disoccupazione Naspi ha diritto alla tredicesima. Scopriamolo insieme in quest’articolo.

Tredicesima e Naspi, spetta a dicembre?

(Pixabay)

La Naspi, lo ricordiamo, è la Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego e sostituisce le vecchie e precedenti prestazioni di sussidio per la disoccupazione: la Aspi e la MiniAspi. La Naspi è stata introdotta nel 2015 e prevede il pagamento di un assegno mensile di sostegno al reddito, dopo un licenziamento o le dimissioni per giusta causa, per un massimo di 24 mesi.

Leggi anche: Reddito di cittadinanza: niente ricarica a dicembre. Chi riguarda 

Per quanto riguarda invece la tredicesima o gratifica natalizia, questa è stata introdotta in Italia il secolo scorso e consiste in una mensilità aggiuntiva sullo stipendio che viene retribuita ai lavoratori e pensionati, nell’ultimo mese dell’anno. Fino agli anni ’30 era su base volontaria degli imprenditori. Con le riforme del 1960, la tredicesima è stata estesa obbligatoriamente a tutti i lavoratori dipendenti.

Leggi anche: Truffa Bancomat: così prelevano dal tuo conto e non lo sai

Adesso che abbiamo chiarito questi due concetti chiave vediamo se è prevista la tredicesima con la Naspi. La risposta, sfortunatamente è no. Per l’INPS il 2021 non porterà nessun assegno aggiuntivo o gratifica natalizia per chi riceve la Naspi. Ricordiamo che la Naspi è pagata sempre nel mese successivo per cui la mensilità di dicembre la si percepirà a gennaio 2022.

L’unico aspetto positivo, per chi riceve la Naspi, è che è stata eliminata la decurtazione progressiva del 3% a partire dal quarto mese di disoccupazione, almeno sino alla fine di dicembre.