INPS, pensioni più ricche per gli italiani: ecco da quando

A partire dal mese di gennaio 2022 le pensioni degli italiani saranno molto più ricche. L’INPS verserà più soldi. Ecco perché

pensione
(pixabay)

Buone notizie per alcuni dei pensionati d’Italia che a partire da gennaio 2022 avranno una pensione più ricca.

La notizia è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale ed altro non è che un nuovo decreto firmato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze. Il decreto sancisce il nuovo tasso di adeguamento all’inflazione e, con esso, l’adeguamento delle pensioni erogate.

Pensioni 2022, ecco quali saranno più ricche

(Getty)

Le novità previste dal decreto del MeF andranno in vigore a partire da gennaio 2022. Il nuovo anno porterà con sé un tasso medio di rivalutazione delle pensioni pari all’1,7%. Inoltre, con il nuovo anno, tornano in vigore le fasce di perequazione che favoriranno soprattutto chi percepisce intorno ai 2.000 euro di pensione.

Leggi anche: Truffa Bancomat: così prelevano dal tuo conto e non lo sai

A partire dal nuovo anno non si applicherà più il metodo di rivalutazione degli ultimi 10 anni ma si tornerà a quelli che sono stati definiti i tre “scaglioni Prodi”. Questo nuovo meccanismo di rivalutazione pensionistico, come detto, darà vantaggi soprattutto a chi percepisce pensioni di circa 2.000 euro.

Leggi anche: Pensioni, 500€ in più a dicembre: ecco per chi (e non è la tredicesima)

La metodologia prevede una rivalutazione del 100% sul tasso di adeguamento stimato per tutte le pensioni fino a 4 volte il minimo. Le pensioni fino a 2.062 euro lordi probabilmente vedranno un aumento dell’1,7%. Le pensioni pari a 5 volte il minimo, tra 2.062 e 2.577,90 euro lordi, saranno rivalutate del 90% sul tasso di adeguamento (1,5% circa). Le pensioni superiori a 5 volte il minimo vedranno con ogni probabilità un aumento del 75% sul tasso di adeguamento (1,275% circa).

Quindi, in parole povere, tutte le pensioni dovrebbero essere aumentate seguendo un tasso medio pari alll’1,7% che andrà a decrescere via via per importi superiori. Infine sono previsti aumenti anche per la pensione minima, da 515,58 euro a 524,34, e per l’assegno sociale, da 460,28 euro a 468.