Pensione a 63 anni? Le ipotesi tra opzione donna o fondo casalinghe

Può una donna di appena 63 anni andare in pensione con Opzione donna o con il fondo casalinghe? Scopriamolo insieme

In pensione con 10 anni di contributi, ecco quando si può
Pixabay

Quello delle pensioni continua ad essere un tema molto caldo in Italia. A partire dal 31 dicembre 2021 “Quota 100” andrà in pensione e il governo è al lavoro con la nuova riforma pensioni.

Tra le ipotesi più accreditate per il post Quota 100 c’è Quota 102 che darà la possibilità di uscire dal lavoro con almeno 64 anni d’età e 38 di contribuzione.

In questo articolo, invece, ci concentreremo sul perché non sempre alle donne è possibile accedere alla pensione con l’opzione donna o con il fondo casalinghe.

Donne, le opzioni per andare in pensione a 63 anni

pensione
(pixabay)

Ovviamente ogni misura previdenziale richiede determini requisiti per poter accedere. Ci sono poi delle misure erogate da fondi a parte che richiedono il versamento di contributi. In questo articolo esamineremo il caso di una donna che ha compiuto 63 anni ed ha esattamente 23 anni di contributi. 

Leggi anche: Bonus caregiver 2022: a chi spetta l’assegno da 1.800 euro

Nonostante il compimento del 63esimo anno di età, la donna non potrà andare in pensione prima di aver compito 67 anni dal momento che non ha i requisiti per accedere alla pensione con opzione donna. Opzione donna, infatti, nonostante che richiede 58 anni di età per le dipendenti e 59 anni di età per le lavoratrici autonome, richiede anche di aver maturato almeno 35 anni di contributi.

Leggi anche: Nuove assunzioni in Italia: oltre 1.000 posti. Dove e come candidarsi

Per quanto riguarda invece la pensione casalinghe, per riceverla, è necessario che la signora sia iscritta all’apposito Fondo casalinghe e deve averci versato almeno 5 anni di contributi per avere diritto alla liquidazione della pensione a partire dal 57 anni. Tutto questo a patto che l’assegno spettante sia pari ad almeno 1,5 volte l’importo dell’assegno sociale INPS, in caso contrario la liquidazione spetterà al compimento dei 65 anni indipendentemente dall’importo spettante.

La signora, in questo caso, se non è iscritta al fondo casalinghe dovrà aspettare di compiere 67 anni per poter godere della pensione di vecchiaia.