Cashback, confermato un nuovo rimborso da gennaio

Il cashback ha appassionato milioni di italiani. Sono state tantissime le persone che hanno partecipato all’iniziativa. Sta per arrivare per tutti loro e non solo una nuova incredibile opportunità. Scopriamo di cosa si tratta

cashback
Pagamento con carta (©Getty Images)

Il cashback ha consentito a tantissime persone di vedersi riconosciuto il rimborso di 150 euro. In questo moto tutti coloro i quali hanno effettuato acquisti utilizzando i metodi di pagamento previsti, hanno ottenuto un discreto rimborso. Senza dimenticare il concorso del supercashback. Questo metteva in palio ben 1.500 euro. Dopo tante polemiche e discussioni il Governo ha deciso di sospendere, seppur temporaneamente il servizio.

Dall’altro lato, però, vista la riuscita dell’esperimento molte aziende hanno deciso di proporlo per gli acquisti dei loro servizi. E’ proprio di questa nuova tipologia di cashback che vi vogliamo parlare. Una delle principali aziende del nostro Paese, dopo averlo testato nelle scorse settimane, ha deciso di mettere nuovamente a disposizione il servizio dei propri clienti. Andiamo a scoprire di cosa si tratta.

Cashback: una nuova possibilità

truffa Postepay
Postepay (Foto dal profilo Facebook)

L’azienda alla quale facevamo riferimento pocanzi è Poste Italiane. Nello scorso mese di ottobre ha messo a disposizione dei possessori di Postepay una sorta di cashback. Per ogni transazione di almeno 10 euro, nei punti vendita aderenti, veniva rimborsato 1 euro fino ad un massimo di 10 euro al giorno.

Leggi anche: Postepay, nuova carta a costo zero: offerta in scadenza

Leggi anche: Oroscopo, allarme salute per questi sei segni

Per poterlo ottenere bastava con App Postepay inquadrare il Codice QR esposto nei punti vendita che accettano i pagamenti con Codice Postepay. Dopo aver inserito l’importo e autorizzato il pagamento, il gioco è fatto. Una bella iniziativa che è stata molto apprezzata dai clienti. Proprio visto il grande successo ottenuto, Poste Italiane ha deciso di riproporla già a partire da gennaio 2022.