Pensioni, arriva l’annuncio di Draghi su Quota 100

In Consiglio dei ministri si discute sulla riforma delle pensioni. Intanto il premier ha chiuso ogni spiraglio sul rinnovo di Quota 100 Mario Draghi Presidente

Il confronto tra le parti nel governo prosegue in tema di pensioni. C’è molta distanza ma negli ultimi giorni era avanzata un’apertura per quanto riguarda un rinnovo di Quota 100. Si è trattato, in realtà, di una proposta riguardante soltanto alcune categorie di lavoro usurante. Il premier Draghi, però, nella giornata di ieri è stato chiaro nel chiudere ogni spiraglio sul rinnovo di Quota 100.

Pensioni, Draghi chiude con Quota 100

Decreto Ristori
Pixabay

La legge su Quota 100 non verrà rinnovata per i prossimi tre anniha dichiarato il premier spegnendo ogni speranza per coloro che premevano per una conferma. Tuttavia, Draghi conferma che bisogna gradualmente andare verso la normalità che si intende, in sintesi, la legge Fornero. Le parti politiche vogliono evitare il cosiddetto “scalone”, ossia il passaggio nettamente più penalizzante tra una legge e l’altra sulle pensioni.

Leggi anche:  Circolare Inps: pensioni sospese per queste persone

Si cerca la gradualità e per questa è stato proposta Quota 102 che nel giro di un anno diventerebbe Quota 104. Quest’ultimo passaggio non ha convince una fetta del Governo. Tuttavia, dal 1 gennaio in poi saranno certamente messi a disposizione degli italiani degli strumenti che permettono l’uscita anticipata dal lavoro e quindi evitando la legge Fornero. Ape sociale e opzione donna dovrebbero essere confermate, almeno per il 2022, in ottica della gradualità richiamata ieri dal premier.

Leggi anche:  Busta paga, pronto l’aumento di 167€: ecco per chi

Sullo sfondo restano le grosse divergenze di vedute e il monito del Fondo Monetario Internazionale (Fmi) che ha ammonito l’Italia proprio sulle pensioni. Un recente studio, infatti, classifica il sistema pensionistico italiano al 32simo posto su una scala di 43 paesi partecipanti al confronto. Un risultato duro che punta il dito sulla sostenibilità legata al debito pubblico alto e alla crescita bassa per sostenere sia quest’ultimo che il sistema stesso delle pensioni.