Sei un fumatore? Non sottovalutare questi sintomi del tumore

Alta percentuale di sviluppo di tumori per fumatori, ex fumatori o chi assorbe ogni giorno fumo passivo: ecco come riconoscere alcuni segnali di una possibile malattia

tumore
Sigaretta e fumo (Foto Pixabay)

Fumare, è chiaro, espone direttamente e particolarmente i diretti interessasti al rischio di contrarre malattie cardiovascolari o tumori. E parliamo, rispettivamente, delle due  principali causa di decesso in quest’era moderna secondo gli ultimissimi dati a disposizione. Niente e nessuno uccide più di questi due fattori.

Si tratta pertanto, a proposito del fumo, non solo di un’abitudine piuttosto onerosa, considerando tutti i costi quotidiani che ne comporta, ma anche parecchio letale che potrebbe portare a una spiacevole sorpresa da un giorno all’altro. Ecco perché condurre una vita sana, controllandosi con una dieta equilibrata e praticando sport piuttosto che fumare, è fortemente consigliato soprattutto considerando le tante sofferenze e decessi che la lotta contro il cancro comporta ogni anno.

Ovviamente alla base di questa malattia spesso incide anche il fattore ambientale e ancor di più quello genetico, ma muoversi sulla retta via per evitare tali patologie e non solo è senz’altro la soluzione più indicata per stessi e per chi c’è attorno. Motivo per cui l’AIRC, la fondazione per la ricerca sul cancro, dedica ampio spazio a quest’argomento tra i vari tanti approfondimento che il sito ufficiale propone per documentarsi e tutelarsi.

Tumore, sintomi e rischi per fumatori ed ex 

Come possono tutelarsi i fumatori, ex fumatori o coloro che hanno assorbito per parecchio tempo fumo passivo? Come riconoscere eventuali segni della malattia?
Fermo restando che – come specificato – non esistono disturbi che indichino inequivocabilmente la problematica, è possibile comunque captare alcuni segni che potrebbero essere la prova proprio di tale disturbo.

Leggi anche: Tumore, rischio alto per chi beve questo ogni giorno 

La stanchezza eccessiva e non giustificata o la perdita di peso involontaria prolungata nelle settimane, per esempio, può essere una prima spia. Così come una febbre alta prolungata, continue sudorazioni notturne o vomiti improvvisi ripetuti. Ci sono anche alcuni segnali fisici come noduli, nei che cambiano forma e grandezza o vesciche. Si consiglia di consultare il sito dell’AIRC per dettagli ma soprattutto un medico in caso di preoccupazioni.

Leggi anche: Tumore, questi oggetti possono provocarlo: sono in casa

Tuttavia, per quanto riguarda nello specifico coloro che fumano o hanno fumato, ecco quanto si evince dal portale: “Anche disturbi comuni come la tosse o l’abbassamento della voce, se non passano in tre settimane, tendono a peggiorare o si accompagnano a striature di sangue, devono essere riferiti al medico, soprattutto in un fumatore o in un ex fumatore, più a rischio per tumori del polmone e della laringe“. 

tumore
Tumore fumatori, la specifica dell’AIRC