Bonus anti-plastica: come e chi può ottenere fino a 5.000€

In arrivo un bonus di 5000 euro per disincentivare l’utilizzo della plastica. Arrivata la firma congiunta di due ministeri

Foto Pixabay

Il Ministro dello Sviluppo Economico e quello della Transizione Ecologica hanno dato il via al decreto Clima firmando il relativo decreto attuativo. Si tratta di un bonus di 5000 euro destinato a coloro che destinano nella propria attività commerciale parte della vendita ad alimenti o detergenti sfusi. L’obiettivo è quello di ridurre le plastiche nell’ambiente attraverso l’incentivo che permetterà agli esercenti di organizzare anche la vendita senza confezioni. In tal modo, infatti, il cliente può scegliere di acquistare alimenti o detergenti senza le confezioni predisposte dalle produzioni di merce confezionata.

Decreto Clima, i destinatari dei 5000 euro

plastic free
(pixabay)

I destinatari del bonus sono le medie strutture di vendita. Rientrano in questa categoria gli esercizi commerciali di superficie che varia da un massimo di 150 metri quadri, nei comuni con popolazione residente inferiore ai 100 mila abitanti, ai 250 metri quadri per i comuni più grandi. Inoltre, per quanto riguarda i centri commerciali, sono considerati strutture medie di vendita quelli tra i 150 e i 1.500 metri quadri nei comuni sotto i 100 mila residenti e dai 250 ai 2.500 metri quadri nei comuni con oltre 100 mila abitanti.

Leggi anche: Pratiche sleali nell’agroalimentare, l’Ue avvia una procedura d’infrazione contro l’Italia

Gli esercenti, pena la perdita del bonus, dovranno tenere la vendita sfusa di alimenti e detergenti per almeno tre anni. Per ottenere il bonus saranno prese in considerazione anche le spese effettuate in attrezzature necessarie alla vendita antiplastica della merce. L’obiettivo primario è quello di combattere e ridurre l’utilizzo della plastica.

Leggi anche:  Oltre.bio, il progetto della Puglia per la gestione innovativa della cerasicoltura…

L’Unione Europea ha già adottato provvedimenti che gradualmente porteranno gli Stati membri a ridurre l’uso di oggetti monouso in plastica. Non è un caso la circolazione già da alcuni mesi di contenitori monouso biodegradabili utilizzato in luogo della plastica. Non sono pochi i bar e ristoranti che si sono già adeguati.