Bonus fino a 4680€ per chi percepisce il reddito di cittadinanza

I percettori del reddito di cittadinanza dal 23 settembre possono chiedere questo Bonus all’Inps fino a 4.680 euro

Contributo fondo perduto
Pixabay

Il reddito di cittadinanza è spesso al centro della dialettica politica. L’iniziativa nasce innanzitutto come sostegno alla povertà ma nel decreto che lo ha introdotto è presente anche la parte relativa agli strumenti di inserimento al lavoro per i percettori del reddito. Questo punto è spesso oggetto di confronti tra le parti politiche.

La novità, da ieri, riguarda proprio questa parte. Dalla giornata di ieri, 23 settembre, infatti, è possibile da parte dei percettori del reddito di cittadinanza, chiedere un bonus per intraprendere un’attività imprenditoriale o autonoma.

Reddito di cittadinanza, ecco l’incentivo al lavoro

bancomat
Bancomat (Foto Pixabay)

Lo scorso febbraio, infatti, il Ministero del lavoro ha introdotto un bonus che arriva fino a 4680 euro per i percettori del reddito che intendono intraprendere una delle seguenti iniziative imprenditoriali:

  • attività di lavoro autonomo;
  • attività d’impresa;
  • partecipazione al capitale di una società cooperativa.

Per chiedere l’incentivo, il beneficiario entro i primi 12 mesi di fruizione del reddito deve avviare una delle tre attività sopra indicate, ossia: un’ attività di libera professione, di lavoro autonomo o d’impresa individuale o familiare.

Leggi anche:  Cashback, in arrivo altri 150€ di rimborso: ecco per chi

In alternativa può aver sottoscritto una quota di capitale sociale in una cooperativa. L’ente erogatore del bonus è l’Inps al quale va indicata la segnalazione di inizio attività.

Leggi anche:  Cashback, possibile sorpresa in arrivo per i 1.500€?

Il bonus è un anticipo e non un surplus sul reddito di cittadinanza. In sostanza, se il percettore intende intraprendere una delle tre attività indicate sopra, chiede e ottiene sei mensilità in anticipo per avviare la sua iniziativa.