Gratta e Vinci rubato, ufficiale: arriva la decisione finale

Si conclude positivamente la vicenda che vede coinvolta l’anziana di Napoli alla quale era stato rubato un gratta e vinci vincente

Buone notizie per l’anziana signora di Napoli che nei giorni scorsi era finita agli onori di cronaca perché un tabaccaio le aveva sottratto un gratta e vinci vincente.

L’Agenzia delle Dogane ha infatti dato l’ok al pagamento del tagliando fortunato, pagamento che era stato sospeso dopo il furto da parte del tabaccaio.

Napoli, Gratta e vinci rubato, la bella notizia

Gratta e Vinci
Gratta e Vinci 100X

La splendida notizia per la signora 80enne di Materdei a Napoli è arrivata in tempi record durante la giornata di ieri. L’Agenzie delle Dogane ha dato l’ok al pagamento dei 500mila euro del biglietto vincente del Gratta e Vinci che le era stato rubato da un tabaccaio napoletano.

A seguito del furto il tagliando da 500mila euro era stato bloccato per non permettere al tabaccaio di riscuotere la somma. Dopo il fermo di quest’ultimo nei pressi di Latina, l’anziana signora ricevette la notizia che non avrebbe potuto riscuotere il suo premio.

Poi ieri la bella notizia: dopo il dissequestro disposto dalla procura di Napoli, il direttore generale dell‘agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli ha incaricato immediatamente il dirigente dell’Ufficio Giochi numerici e Lotterie di recarsi nella caserma dei Carabinieri di Latina per acquisire formalmente il tagliando all’amministrazione e contestualmente autorizzare il concessionario Lotterie Nazionali Srl, all’avvio delle procedure per il pagamento del premio.

Leggi anche: Postepay, con quest’errore blocchi la carta all’istante 

Leggi anche: Soldi in casa? Ecco l’oggetto perfetto in cui nasconderli

La procura di Napoli ha infatti affermato che le indagini “non lasciano dubbi in ordine alla riconducibilità di quanto in sequestro alla persona offesa”, per cui l’anziana la signora che aveva acquistato il biglietto potrà incassare quanto le spetta.

Intanto il tabaccaio accusato del furto del tagliando vincente resta in carcere. Nel corso dell’interrogatorio davanti al gip si era detto pentito per il gesto.