Naspi, quando si può ottenere anche in caso di dimissioni volontarie

L’Inps ha accettato le dimissioni per giusta causa come causale per chiedere l’indennità di disoccupazione

Naspi marzo
(pixabay)

La NASpI, ovvero l’indennità di disoccupazione, è una forma di sussidio conferita a chi perde involontariamente il lavoro. Utilizzata molto per sostenere gli ex lavoratori che non hanno ricevuto il rinnovo dei contratti a termine, o per coloro che vengono licenziati, la NASpI può essere richiesta a fronte dell’impegno a ricercare ed accettare lavoro. Negli ultimi anni ci si è interrogati su cosa significasse “perdita involontaria del lavoro”. Questa dicitura, requisito essenziale ai fini dell’indennità di disoccupazione, ora può comprendere anche le dimissioni volontarie.

In alcuni casi il lavoratore è costretto a licenziarsi in tronco, quindi l’Inps ha speficicato che le dimissioni volontarie per giusta causa rientrano nei casi della perdita involontaria del lavoro quando sussiste:

  • mancato pagamento degli stipendi od omesso versamento dei contributi;
  • comportamento ingiurioso del superiore;
  • pretesa del datore di lavoro di prestazioni illecite;
  • mobbing;
  • molestie sessuali nei luoghi di lavoro;
  • demansionamento.

Questi sono alcuni esempi.

Leggi anche: Quanto guadagnerebbe tuo figlio con un buono fruttifero postale?

Come richiedere la NASpI in caso di dimissioni volontarie

ricerca lavoro
(pixabay)

La NASpI può essere richiesta dai disoccupati, che sono definiti dall’Inps come segue: “I soggetti privi di impiego che abbiano perduto involontariamente la propria occupazione e che dichiarino in forma telematica al portale nazionale delle politiche del lavoro la propria immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa e alla partecipazione alle misure di politica attiva del lavoro concordate con il centro per l’impiego”.

Nel caso di dimissioni volontarie bisogna fare attenzione alla richiesta. La procedura per ottenere la NASpI è la stessa dei casi di licenziamento, ma per ricevere il sussidio si deve scrivere correttamente la lettera di dimissioni, pena l’esclusione dalla NASpI.

Leggi anche: Ancora un richiamo per ossido di etilene, attenzione a questo integratore

Si possono trovare informazioni su come scrivere correttamente la richiesta di dimissioni per giusta causa sul portale clicklavoro; è essenziale che la causale sia specificata in modo chiaro ed inequivocabile.