Poste Pay, una nuova truffa svuota il conto degli utenti: l’avviso di Poste Italiane

Nuova truffa ai danni Poste Italiane e degli italiani: un SMS cerca di rubare le credenziali e i nostri risparmi

(Facebook)

Ancora una truffa ai danni di tutti gli italiani che si affidano a Poste Italiane. Questa volta la truffa circola attraverso un finto SMS che arriva direttamente sui nostri cellulari.

Questo tipo di truffa era già stato messo in atto dai malintenzionati tempo fa ma, questa, volta, l’SMS inviato sembra veramente credibile. Bisogna fare attenzione, l’SMS è una campagna di smishing che serve solo a rubare i dati di accesso e il denaro presente nel proprio conto.

Nuova truffa ai danni di Poste Italiane, ecco in cosa consiste

(Facebook)

La nuova truffa messa in atto dai malintenzionati circola attraverso gli SMS. Il messaggio che riceviamo sui nostri cellulari recita: “gentile cliente, causa anomalie la invitiamo a seguire il link e compilare il modulo per evitare il blocco”.

La prima parte del messaggio sembra essere esattamente quello di Poste Italiane ma è il messaggio generico a dover mettere in allarme. Se si clicca sul link, infatti, si viene reindirizzati a un sito web apparentemente analogo a quello di Poste.

Dopo essere arrivati sul sito farlocco di Poste, viene chiesto di inserire le proprie credenziali e poi il codice OTP (One Time Password) che ha appena ricevuto sul suo telefono. A questo punto la truffa è completa: i malviventi possono operare sul conto corrente.

Per evitare di incappare in queste truffe, Poste Italiane ha fornito, sul proprio sito ufficiale, una serie di consigli. Tra questi: non rispondere mai a e-mail, sms, chiamate o chat da call center in cui ti vengono chiesti i tuoi codici personali come utenza, password, codici di sicurezza, dati delle carte di pagamento.

Leggi anche: Sei uno studente universitario? Poste ti fa un regalo

Leggi anche: Postepay sta per scadere? Cosa fare per continuare ad utilizzarla

Inoltre è molto chiaro il messaggio ufficiale di Poste: “Poste Italiane S.p.A. e PostePay S.p.A. non chiedono mai i tuoi dati riservati (utenza, password, codici di sicurezza per eseguire una transazione, ad esempio codice OTP-One Time Password ricevuto via sms) in nessuna modalità (e-mail, sms, chat di social network, operatori di call center) e per nessuna finalità. Se qualcuno, anche presentandosi come un operatore di Poste Italiane S.p.A. o PostePay S.p.A., ti dovesse chiedere tali informazioni, puoi essere sicuro che si tratta di un tentativo di frode, quindi non fornirle a nessuno”.