Conto bloccato e fino a 269 miliardi di debito, è successo con la Ing Italia

La causa ufficiale del disservizio sarebbe un guasto, non un attacco hacker

Finto messaggio INPS, attenzione alla nuova truffa con lo SMS
Pixabay

Momenti di panico diffusi sui social. Molti correntisti della Ing Italia, il primo settembre si sono trovati con il conto bloccato e con un debito incredibile, pari fino a 269 miliardi di euro, con la banca. Accorgersi di un problema del genere senza dubbio getta il correntista in uno stato di preoccupazione incredibile. La Ing Italia sostiene che il problema è stato risolto, e  che a breve verrà ripristinato lo status quo precedente.

Nel frattempo i correntisti lamentano il disservizio dell’istituto di credito. Anche se non ci saranno conseguenze economiche, per vari giorni è stato impossibile accedere al conto o al proprio denaro, perchè bloccato dalla banca. La Ing Italia non ha fatto dichiarazioni ufficiali sulla causa del disservizio, ma sembra che sia stato un guasto informatico a generare gli errori, e non un attacco da parte di ignoti hacker.

Leggi anche: Conto corrente cointestato e successione: ecco quanto si paga

Perchè sono stati bloccati i conti Ing Banca

Finto messaggio INPS, attenzione alla nuova truffa con lo SMS
Pixabay

Alla base del problema sono state le commissioni dell’Alert, un servizio che informa i correntisti sulle transazioni effettuate sul proprio conto. Alert è gratuito per le email e per le notifiche push. Al contrario, costa 20 centesimi per ogni Sms inviato. Ma per raggiungere le cifre astronomiche addebitate, il servizio Alert avrebbe dovuto mandare circa 2.000 miliardi di avvisi Sms in un solo mese. Alcuni clienti si sono trovati con un saldo di -269 miliardi di euro sul conto. Scoperta infausta da far venire un attacco di cuore.

Leggi anche: Condono bollo auto, ecco come chiedere l’esenzione

La banca rassicura che il problema è risolto, ma gli utenti non faranno passare in cavalleria così facilmente il grave disservizio di cui Ing Italia è responsabile.