Reddito di cittadinanza, nuovo il limite al prelievo in contanti

Importanti novità per tutte le famiglie italiane beneficiarie del Reddito di Cittadinanza: aumenta il limite al prelievo in contanti

Reddito di Cittadinanza
Pixabay

Novità per tutte le famiglie italiane che usufruiscono del Reddito di Cittadinanza. A partire dallo scorso 20 luglio, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, è entrato in vigore il decreto del ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali che dà disposizioni relative alle modalità di erogazione della somma.

Da fine luglio, infatti, l’importo del reddito di cittadinanza può essere suddiviso, se richiesto, tra i componenti maggiorenni del nucleo familiare. Oltre questa novità cambiano anche i limiti massimi per i prelievi di contante.

Leggi anche: Bancomat, l’errore comune che smagnetizza la carta

Reddito di cittadinanza, cosa cambia

(Pixabay)

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, adesso anche i singoli componenti maggiorenni del nucleo familiare avranno la possibilità di avere una propria carta del reddito di cittadinanza rilasciata da Poste Italiane, ma contenente solo la quota spettante, e con ammontare superiore ai 200 euro.

La richiesta per il pagamento del reddito di cittadinanza su diverse carte può essere presentata da uno qualunque dei membri maggiorenni della famiglia beneficiaria della somma, e si applica a tutti i componenti della stessa. Si attendono ora indicazioni dall’Inps circa la domanda e l’attivazione.

Per le famiglie con due componenti maggiorenni è possibile prelevare massimo 100 euro per ciascuna carta individuale. Invece, per i nuclei familiari in cui siano presenti più di 2 componenti maggiorenni è possibile prelevare massimo 80 euro per carta.

Leggi anche: Assegno unico: ecco quando arriveranno i pagamenti 

La nuova modalità di pagamento del reddito di cittadinanza decorre dal primo mese di erogazione del beneficio nel caso di domanda di suddivisione contestuale alla prima richiesta del reddito di cittadinanza.