L’assegno di invalidità si trasformerà in pensione di vecchiaia

Importanti novità per quanto concerne i cittadini che percepiscono l’assegno di invalidità. Questo sarà trasformato automaticamente in pensione di vecchiaia. Andiamo a scoprire cosa cambierà.

(Pixabay)

L’assegno di invalidità è un supporto economico in favore di persone con problematiche di tipo fisico o psicologico. Questo tipo trattamento economico viene riconosciuto ai cittadini che hanno un’invalidità compresa tra il 74% e il 99% e un limite di reddito personale annuo che non superi i 4.931,29 euro. Nel caso di invalidità totale, ossia pari al 100%, si assegna la pensione di inabilità.

Ovviamente tutti i casi vengono trattati singolarmente dall’INPS. Il grado di invalidità viene stabilito a seguito di visite mediche e esami specialistici. L’individuazione dell’invalidità avviene attraverso due momenti: il primo la verifica del possesso dei requisiti sanitari, mentre il secondo prevede il al controllo dei requisiti economico-reddituali. Importanti novità in vista per quanto concerne l’assegno di invalidità. Come anticipato pocanzi diventerà automaticamente in pensione di vecchiaia. Andiamo a scoprire insieme tutti i dettagli e le novità previste.

Leggi anche: Cashback, niente 150€ senza questo messaggio di conferma

Assegno di invalidità diventa pensione di vecchiaia

pensione
(pixabay)

Come abbiamo anticipato l’assegno di invalidità sarà trasformato in pensione di vecchiaia in maniera automatica per il settore privato. Per vedere concretizzato questo passaggio basterà raggiungere i requisiti anagrafici e quelli contributivi. Una volta che il passaggio sarà ultimato la pensione non potrà più essere revocata. Una notizia che potrebbe sembrare controversa ma che potrebbe consegnare agli interessati diversi vantaggi.

Leggi anche: Temptation Island, che lavoro fa Stefano il fidanzato di Manuela?

Con la pensione di vecchiaia, infatti, l’utente in questione avrà la possibilità di cumulare il trattamento pensionistico insieme ad altri redditi senza alcun tipo di limite sia che arrivino da lavoro dipendente che da lavoro autonomo. Quello che abbiamo appena citato è un aspetto a dir poco fondamentale in questa analisi.