Bonus Imu approvato nel nuovo Decreto Sostegni Bis: chi può richiederlo

Saranno tantissimi gli italiani che potranno beneficiare del bonus IMU 2021. Ecco chi può richiederlo e con quali requisiti

(Pixabay)

Buone notizie per gli italiani: con la conversione in legge del Dl Sostegni bis è stato ufficializzato anche il bonus IMU con rimborso della prima rata di acconto versata a giugno 2021.

Ricordiamo che gli italiani hanno dovuto pagare l’acconto dell’IMU 2021 entro il 16 giugno mentre il saldo si dovrà pagare, salvo proroghe, entro il 16 dicembre di quest’anno. Chi non ha pagato l’acconto può rimediare versando l’importo con l’applicazione di una mora.

Leggi anche: Detrazioni fiscali, pubblicata la guida Precompilata 2021

Bonus IMU 2021, i requisiti

casa modellino
(pixabay)

Ma non tutti devono pagare l’IMU. Come detto, dal momento che il Dl Sostegni bis è stato convertito in legge, è stato introdotto il bonus IMU 2021 che prevede l‘esenzione della tassa per gli immobili a uso abitativo.

Possono richiedere il bonus IMU 2021 le persone i cui immobili sono posseduti da persone fisiche e concessi in locazione; per cui sia stata emessa una convalida di sfratto per morosità entro il 28 febbraio 2020, la cui esecuzione è sospesa fino al 30 giugno 2021.
L’esenzione vale anche se la convalida di sfratto è stata emessa dopo il 28 febbraio 2020 e l’esecuzione è sospesa fino al 30 settembre 2021 o fino al 31 dicembre 2021.

Chi rientra in queste categorie ma ha già effettuato il versamento dell’acconto di giugno può chiederne il rimborso secondo le modalità che saranno definite con apposito decreto MEF (Ministero dell’Economia e Finanze).

Leggi anche: Benzina, il prezzo vola alle stelle: ecco dove si può risparmiare

Se invece chi ha diritto al bonus e non ha pagato l’acconto entro il 16 giugno non deve fare assolutamente nulla, e quindi non versare nessun importo. Dal momento che i Comuni avranno minori entrate derivanti dall’agevolazione, a questi sarà dato in totale come ristoro 115 milioni.