Questa moneta italiana vale 6.800€: l’hai mai vista in giro?

Controlla subito questa monete: se la tenessi a casa, guadagnereste un tesoro di cui non avresti mai immaginato. Ecco perché è tanto speciale 

monete rare

Chi trova una moneta, trova un tesoro. Potrebbe essere questo il motto della numismatica, ovvero il movimento relativo allo studio e al collezionismo delle monete più rare e antiche. Ritrovarsi infatti una di queste comporterebbe, potenzialmente, una cifra enorme a favore del fortunato. E la particolarità che queste, sempre in teoria, potrebbero essere a casa di qualunque italiano che probabilmente ignora anche la propria esistenza o quanto meno il loro valore.

Un errore di conio, una produzione in edizione limitata o un reperto storico. Di base, sono questi tre i fattori importanti che rendono una moneta speciale. Quindi attenti ad eventuali difetti che le monete che maneggiate ogni giorno presentano all’improvviso, ma occhio anche a raffigurazioni inedite sul retro e soprattutto ai vecchi denari.

Le lire, quelle che abbiamo salutato ormai da un bel po’ di tempo, rientrano tra queste. Ma più che quelle che eravamo ormai abituati a usare verso la fine di quel periodo, sono i pezzi che risalgono a decenni e secoli precedenti che fanno ottenere una fortuna.

Mai vista la 100 lire del 1925 per Vittorio Emanuele III?

Un esempio è la 100 lire del 1925 dedicata a Vittorio Emanuele III, la quale presenta la figura del re di profilo su un lato della moneta. Composta con l’oro offerto durante la prima guerra mondiale, fu coniata per commemorare il 25° anniversario della salita al trono del sovrano.

Leggi anche: Moneta da 2€, mai vista una simile? Vale un bel po’ – FOTO

Ritrovarsi un pezzo del genere a casa oggi potrebbe significare anche quasi 7.000 euro, poiché 6.800 euro è il prezzo fissato da Numismaticacaranieri, sito che si occupa proprio della compra-vendita di monete rare.