Quanto guadagna Mario Draghi per gestire l’emergenza Covid?

Vi siete mai chiesti quanto guadagni Mario Draghi da quando è diventato il nuovo Premier? La risposta vi lascerà a bocca aperta 

Screenshot Youtube

Sono passati esattamente tre mesi da quando Mario Draghi, l’ex presidente della Banca Centrale europea, è diventato il nuovo Presidente del Consiglio in Italia. Il 73enne è subentrato inseguito alla crisi di governo innescata il 13 gennaio scorso con le dimissioni dei ministri di Italia Viva, mossa che ha comportato all’effetto domino e all’uscita di scena di Giuseppe Conte e l’arrivo di Draghi appunto scelto dal presidente della Repubblica, Sergio Matterella.

Leggi anche: Covid, presto vaccini per tutti in farmacia: ecco quando saranno disponibili

Mario Draghi e la decisione di non percepire compensi

Wikipedia

Ma la domanda che in molti si pongono è la seguente: quanto potrà mai guadagnare un Premier? E soprattutto quanto guadagnerà colui che soprattutto si trova a gestire un’emergenza di portata mondiale che troveremo un giorno nelle pagine di storia? La risposta vi sorprenderà: zero euro. Sì, proprio così: assolutamente niente.

Non perché sia previsto dalla legge, piuttosto perché quella di non percepire soldi per tale incarico è stata una scelta diretta dal leader politico. Mossa confermata dalla sua dichiarazione pubblica, pubblicata adesso anche sul sito del governo, in cui firma per “non percepire alcun compenso di qualsiasi tura connesso alla assunzione della carica”. La cifra reale, ovvero quella percepita per esempio dal predecessore, è di 80 mila euro.

Ma mentre Conte decise di rinunciare a un 20% del totale a causa della crisi che stava travolgendo l’intero Paese, Draghi ha deciso di rinunciarvi del tutto. Certo all’attuale Premier potrà permettersi una mossa del genere senza troppi patemi come dimostra un imponibile di 581.665 euro evidenziato nell’ultima sua dichiarazione dei redditi, ma un tale gesto è tutt’altro che scontato nonostante tutto. Un comportamento che gli italiani hanno apprezzato parecchio, soprattutto perché attuato nel silenzio più totale.