Cashback, quante transazioni serviranno alla fine per i 1.500€?

Cashback, cambia tutto: si registra una clamorosa fiammata per i 1.500 euro. Cambiano i parametri: ecco quanti acquisti serviranno entro giugno

cashback
Pixabay

L’accelerata sul fronte supercashback, si sapeva, era dietro l’angolo, ma questa probabilmente è giunta anche molto più presto del previsto. Perché che ci fosse stata a breve un’impennata sfrenata appena il traguardo fosse stato man mano più vicino, in fondo era logico e intuibile. Ma questa fiammata è giunta molto prima del previsto e soprattutto tutto d’un tratto: giusto il tempo di una calma apparente nel dopo Pasqua, poi ecco il colpo di scena inaspettato. Così l’ultimissimo in classifica, dalle precedenti 220 operazioni circa, è arrivato improvvisamente a oltre 260 operazioni.

Leggi anche: Cashback, i furbetti colpiscono ancora: l’ultimo episodio 

Cashback, fiammata per i 1.500€: in molti a rischio beffa 

Bonus Cashback
Pixabay

Una situazione che ha rimesso tutto prepotentemente in discussione. In molti si sono ritrovati catapultati fuori dalla classifica la mattina a colazione, altri invece hanno visto disperdere il prezioso vantaggio accumulato in queste settimane in un batter d’occhio. Così questo sprint ha messo alle strette chi era nella coda dei primi 100.000 utenti e chi bazzicava tra la parte medio bassa della stessa classifica. Adesso sale il panico tra gli utenti, con molti che temono nella clamorosa beffa dopo mesi di corsa alle compere varie e già speranzosi per il maxi bottino estivo.

La sensazione è che dalle 3-4 operazioni quotidiane ora siano necessarie 6-7 al giorno per restare al passo per chi è già nel gruppone fortunato. Praticamente il doppio rispetto al ritmo precedente. Per quanto riguarda la proiezione estiva, si va invece verso i quasi e forse oltre 700 acquisti con carta per assicurarsi un posto vincente. Almeno è lo scenario che si profila considerando le oltre 270 operazioni già all’attivo finora, con oltre 300 da qui a fine mese. Aggiungendoci la quota di maggio e giugno e calcolando la frenesia – o meglio delirio – che si scatenerà nel rush finale, ecco che il verdetto sembra essere proprio questo.