Covid, in arrivo 3 nuovi vaccini. Quali sono e come funzionano

Il Covid ha stravolto la vita di tutti noi. Fortunatamente grazie al vaccino la situazione sta pian piano tornando alla normalità. Stanno per arrivare tre nuove tipologie di siero. Andiamo a scoprire quali sono e come funzionano.

pixabay

La campagna vaccinale è iniziata in tutto il mondo ormai da diversi mesi. Purtroppo l’approvvigionamento del siero per combattere il Covid-19 è quanto mai complesso. Le case farmaceutiche che hanno ottenuto i permessi per poterlo somministrare sono schiacciate dalla pressione delle richieste. Si tratta di milioni di dosi da produrre e inviare in tutto il pianeta ogni giorno.

La situazione per quanto concerne l’Europa e il nostro paese non è ottimale. Nel senso che si sono registrati tanti problemi organizzativi che hanno rallentato in maniera significativa le somministrazioni. Fortunatamente ben presto arriveranno in Italia e più in generale in Europa tre nuovi tipi di vaccini. La speranza è che con la produzioni di queste ulteriori tipologie di siero l’immunizzazione della popolazione si possa raggiungere in un tempo decisamente più breve.

Leggi anche: Coma Cose, quanto guadagnano i cantanti? Stipendio e patrimonio

Covid, i 3 nuovi vaccini e come funzionano

Covid vaccini
Somministrazione vaccino (Pixabay)

Il portavoce della Commissione per la Salute della Commissione Europea, Stefan de Keersmaecker, ha fatto sapere che dopo l’approvazione da parte dell’Agenzia Europea dei Medicinali dei vaccini in uso ovvero Pfizer-Biontech, Moderna, AstraZeneca e il monodose Johnson & Johnson, ben presto potrebbero arrivare altri tre sieri.

Il primo del quale vi parliamo è il CVnCoV, prodotto dalla CureVac, azienda farmaceutica neerlandese che ha però sede a Tubinga, in Germania che si basa sulla tecnologia a mRna. A seguire potrebbe arrivare poi il vaccino anti Covid Nvx-CoV2373 prodotto dalla statunitense NovaVax.

Leggi anche: TIM regala ricarica da 5 euro ai suoi clienti. Ecco come ottenerla

Il terzo vaccino del quale si parla è prodotto dall’azienda di biotecnologie Valneva, con sede in Francia. L’approvazione del Vla2001 in Europa potrebbe arrivare negli ultimi tre mesi del 2021.