Attenzione alla nuova truffa del pacco in arrivo: ecco come riconoscerla

La truffa del pacco sta colpendo tantissimi italiani che in questo periodo di lockdown e restrizioni trascorrono tanto tempo sugli smartphone

Truffa pacco
Utente con smartphone (Pixabay)

L’emergenza Coronavirus ha portato in evidenza un fenomeno purtroppo sempre più diffuso, anche per la crescente presenza soprattutto delle persone anziane sui social. Parliamo delle truffe online, dovute essenzialmente ad un utilizzo probabilmente eccessivo dello smartphone. Tanti gli strumenti che vengono utilizzati per arrivare a sottrarre danaro alle vittime che ingenuamente cadono nei “tranelli” di esperti informatici.

Il più utilizzato nell’ultimo periodo resta quello del messaggio phishing che arriva sul cellulare o via mail. In questo caso alla vittima viene chiesto di inserire dati sensibili come i pin di conti correnti o carte di credito. O altre informazioni personali che vengono utilizzate dai malviventi per arrivare a sottrarre somme di danaro alle vittime.

Leggi anche: Presto in Italia useremo i taxi volanti: ecco il primo progetto e la tratta

In alcuni casi sono stati anche clonati cellulari o sim, arrivando a gestire gli internet banking dei titolari. E per questo bisogna prestare molta attenzione a quello che si fa con il cellulare. L’allerta della Polizia Postale e delle banche resta quella di non inserire mai i propri dati personali se non si vogliono correre rischi seri.

Truffa del pacco in arrivo: massima attenzione

Truffa pacco
Messaggio su smartphone (Pixbay)

La truffa della spedizione del pacco è stata segnalata da tanti utenti in questi giorni. Si tratta di un messaggio che arriva sullo smartphone e che invita a sbloccare un pacco in arrivo. La frase che è stata segnalata è “Il tuo pacco sta arrivando. Seguilo qui”. Si invita il ricevente a cliccare su un link che porta ad una pagina che chiede un pagamento per sbloccare il pacco.

Le persone che non aspettano nessun pacco in particolare possono tranquillamente accorgersi del tentativo di truffa in atto. Ma quelle poco esperte e che non hanno dimestichezza con la rete possono invece cadere facilmente in queste trappole che portano alla sottrazione di somme di danaro. Il consiglio che le forze dell’ordine danno resta quello di non inserire mai i codici personali su nessun sito.

Leggi anche: Principe Filippo, la torta nuziale ed il tesoro inestimabile nascosto

In presenza di questo messaggio si consiglia di contattare prontamente le forze dell’ordine e anche di bloccare il numero sospetto.