In Qatar c’è il progetto di un hotel galleggiante che produce energia

Un team di progettazione turco sta lavorando ad un nuovo hotel galleggiante per il Qatar. Se venisse realizzato sarebbe il sedicesimo hotel di lusso galleggiante, dopo quelli costruiti appositamente per i Mondiali 2022.

In Qatar c'è il progetto di un hotel galleggiante che produce energia
In Qatar c’è il progetto di un hotel galleggiante che produce energia (Foto: Hayri Atak Architectural Design Studio)

Potrebbe essere pronto per il 2025 il nuovo hotel galleggiante e rotante, a ridotto impatto energetico, progettato da uno studio turca e che dovrà essere costruito, o meglio forse varato, al largo delle coste del Qatar.
Leggi anche: Scienza sul balcone, iniziativa dedicata all’inquinamento-acustico

Un hotel galleggiante e amico dell’ambiente

In Qatar c'è il progetto di un hotel galleggiante che produce energia
In Qatar c’è il progetto di un hotel galleggiante che produce energia (Foto: Hayri Atak Architectural Design Studio)
Sarà composto da 152 camere tutte extra lusso, il nuovo hotel galleggiante che il team di progettazione turco Hayri Atak Architectural Design Studio sta progettando e che verrà posizionato al largo delle coste del Qatar. Questa nuova struttura dovrebbe essere pronta per il 2025 ma probabilmente non lo sarà a causa della pandemia, anche se il team di sviluppo è fiducioso di rientrare nei tempi. Ci sarebbero, infatti, già diversi investitori pronti.
Al momento, quindi, le spettacolari immagini diffuse sono semplicemente quelle del rendering virtuale del progetto dell’hotel, ma rimangono affascinanti. La struttura sarà in totale di 35000 metri quadrati e sarà anche energeticamente efficiente. L’aspetto tecnologico più interessante è sicuramente quello legato alla produzione di energia. L’albergo, infatti, è progettato per ruotare su se stesso sfruttando le maree producendo, come una dinamo, energia elettrica da poter utilizzare per i servizi.

Leggi anche: Vaccini Covid venduti sul dark web: scoperta choc, le cifre

Oltre ad essere in pratica autosufficiente dal punto di vista energetico, l’albergo è progettato anche per poter recuperare e riutilizzare acqua piovana e scarti di cibo. Se venisse realizzato, quindi, sarebbe un albergo quasi ad impatto zero in grado di utilizzare l’acqua piovana, per esempio, per annaffiare i giardini. Di lusso, saranno ovviamente gli interni delle suite e i servizi accessori: campo da golf, piscina, centro benessere e palestra.