Morto il Premio Nobel Robert Mundell nella “sua amata Italia”

Premio Nobel nel 1999, Robert Mundel ha contribuito alla teorizzazione dell’Euro in Europa. 

pixabay

L’evento che ha sancito una svolta storica nella letteratura economica è l’assunzione dell’Euro come monte unica europea. Questo cambiamento si deve anche ad un volto e soprattutto ad una mente che è venuta a mancare il 5 aprile: il Premio Nobel Robert Mundell. Un genio che aveva scelto l’Italia come sua seconda casa nonostante le sue origini canadesi.

“Un’impossibile amalgama di genio teorico, lucidità algebrica e soprattutto geometrica, sensibilità culturale e influenza pratica incommensurabile” lo definisce lo Zeus dell’economia, il collega Demotrovic su Forbes.

Leggi anche:  Bonus affitto: come ottenere 1200 euro

La sua carriera inizia nel contesto accademico, i cui successi lo conducono alla cattedra della Columbia University di New York. I suoi studi non sono mai stati finalizzati a contesti accademici. Ha preso parte infatti nello staff del Fondo Monetario Internazionale nel 1961 e da li in poi ha prestato servizio per le Nazioni Unite, la Banca Mondiale, fino all‘Unione Europea, la quale deve molto ai suoi primi studi sulla moneta unica europea, che rientravano nella più ampia cornice degli interessi di Mundell, specie per la teoria delle aree monetarie ottimali. Inoltre negli anni 60 è stato sostenitore della teoria del commercio internazionale.

E’ morto in provincia di Siena, nella sua villa privata

Economista internazionale di fama ma anche di vedute, credeva in sistemi aperti, e tra il 1972 e il 1973 ha fatto parte del Gruppo dei Nove per l’Unione Economica e Monetaria dell’Europa, che poi diventerà negli anni 90 moneta unica europea.

Leggi anche: Bonus Ines, 2400 euro per i lavoratori stagionali. Ecco le date di pagamento

Robert Mundell si è spento nella sua “amata Italia” così come ricorda il collega, in Toscana, meta che lui aveva scelto per le colline e il buon vino, con precisione nella sua villa di Santa Colomba nella provincia di Siena per morte naturale. La sua eredità di studi nell’ambito della politica economica, è tale per cui il suo nome rimarrà nella storia dell’Economia e tra le materie da lui analizzate e modernizzate per contenuti e metodi di ricerca.