Recovery Plan, c’è un nuovo bonus per le auto elettriche

Rcovery Plan c’è il nuovo bonus per le auto elettriche, ne beneficeranno tutti i nuclei familiari aventi isee inferiore a 30 mila euro

(Pixabay)

Il Recovery Plan è il piano per la ripresa economica  del paese che stanzia 222 miliardi di euro che verranno investititi in settori come salute, istruzione, digitalizzazione e green.

Nello specifico tra questi investimenti è presente un contributo per l’acquisto di auto elettriche da parte delle famiglie aventi un isee inferiore a 30 mila euro.

Il contributo rimborserà del 40% le  spese per l’acquisto  di auto elettriche con che costano fino a 30 mila euro in questo modo gli acquirenti potranno ricevere una riduzione massima fino a 12 mila euro.

Ma attenzione l’acquisto della nuova auto dovrà essere effettuato entro il 31 dicembre 2021 per auto elettriche con potenza fino a 150 kw.

La misura era stata varata dal Movimento Cinque Stelle ed aveva un tetto massimo di 20 milioni di euro ma il parlamento preme per inserire nella nuova versione del Recovery Plan una vera strategia per la transizione ecologica dell’intero comparto automobilistico.

Nuovo bonus auto elettriche, come accedere ai contributi?

(Pixabay)

Ma come si può accedere ai contributi?

Per prenotarsi bisogna entrare nella piattaforma creata dal MISE ovvero il Ministero dello Sviluppo Economico dove è tutto spiegato approfonditamente e nel dettaglio.

Il ministero rassicura che non non sarà un click day per cui chi vuole accedere al servizio non dovrà cercare di ottenerlo immediatamente.

Difatti l’apertura dello sportello inizia domani ma sarà esclusivamente mirata alla registrazione dei concessionari aderenti che dovranno iscriversi e dare l’adesione al progetto.

Solo in secondo luogo si aprirà una seconda fase dove l’acquirente dovrà prenotare l’incentivo.

Entro 180 giorni dalla prenotazione si potrà ricevere la consegna del veicolo.

Leggi anche: Bollette luce e gas, ad aprile saranno più care: motivi e dettagli

Non resta che approfittare di questi nuovi incentivi e sperare che l’ambiente possa tirare un pur piccolo, sospiro di sollievo.