Istat, a marzo 2021 giù la fiducia dei consumatori

Secondo le ultime stime Istat, nel mese di marzo 2021 c’è è stato un abbassamento del livello di fiducia dei consumatori mentre è salito leggermente quello delle imprese.

Istat, a marzo giù la fiducia dei consumatori
Istat, a marzo giù la fiducia dei consumatori (foto: pixabay)

L’attuale situazione sociale e il clima economico hanno portato a una riduzione della fiducia dei consumatori, secondo quanto riportato dagli ultimi dati Istat.

Leggi anche: Offerta di lavoro: 300 assunzioni per nuovo stabilimento industriale

Istat, giù la fiducia dei consumatori a causa di vaccini e contagi

Istat, a marzo giù la fiducia dei consumatori
Istat, a marzo giù la fiducia dei consumatori (foto: pixabay)

I dati diffusi dall’Istat su marzo 2021 ci parlano di una flessione nella fiducia dei consumatori che è passata da 101,4 a 100,9. In leggero aumento è invece la fiducia da parte delle imprese che è passata da 93,3 a 93,9. In particolare, quello che emerge dalle stime Istat è che i consumatori italiani hanno perso fiducia in particolare per quanto riguarda il clima economico e il clima attuale, mentre si è vista una riduzione più contenuta nel clima personale e in quello che riguarda il futuro.

Secondo la nota diffusa insieme ai dati di Istat “La diminuzione dell’indice è dovuta ad un diffuso peggioramento sia dei giudizi sia delle aspettative sulla situazione economica generale e su quella personale. Mentre rimangono stabili attese sulla disoccupazione“.

Leggi anche: Bonus Baby-sitter, fino a 100 euro a settimana per le famiglie con minori

Codacons e UNC hanno espresso i loro giudizi sui dati Istat. In particolare, secondo Codacons la fiducia dei consumatori è calata il particolare a causa del caos legato ai vaccini, ai ritardi nella somministrazione e al nuovo aumento dei contagiati. “Un dato che avrà effetti sulla propensione alla spesa delle famiglie, già in costante calo a causa di limiti e divieti legati al Covid” questo il commento di Carlo Rienzi, presidente Codacons.

Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, vede i dati Istat come un campanello d’allarme da non sottovalutare e commenta così “Esaurito l’effetto Super Mario. E’ normale, infatti, che ora gli italiani si attendano fatti concreti e un cambio di rotta immediato, sia nella lotta alla pandemia che nelle loro condizioni di vita e, quindi, senza una svolta leale, sospendo no il loro giudizio e frena nel loro entusiasmo“.