Pensioni anticipate entro maggio: a chi spetta e come fare domanda

Entro maggio alcune categorie di lavoratori potranno richiedere le pensioni anticipate. Ecco chi può usufruirne e come presentare la domanda.

lavoro usurante
(pixabay)

La prospettiva delle pensioni anticipate negli ultimi anni sta coinvolgendo sempre più lavoratori con un consistente numero di anni contributivi alle proprie spalle. L’INPS nelle scorse ore ha stabilito i requisiti per il trattamento pensionistico nel 2022 per i lavori ritenuti particolarmente faticosi. Questa specifica categoria potrà usufruire della pensioni anticipate rispettando una serie di parametri.

Si tratta di un’importante opportunità per quei lavoratori che nel corso della propria vita professionale hanno svolto attività gravose a livello fisico. Le domande, però, dovranno essere presentate entro e non oltre il 1° maggio del 2021 per tutti coloro i quali perfezioneranno i requisiti dal 1° gennaio al 31 dicembre 2022.

Leggi anche: Infermiera “sbanca” la lotteria con una vincita record, poi chiama il capo

Pensioni anticipate: a chi spetta e come richiederla

Pensioni estero
Pixabay

Come detto entro maggio si potrà presentare la domanda per la pensione anticipata. La richiesta per chi ha svolto lavori usuranti, può essere presentata dai dipendenti del settore privato che raggiungono il diritto alla pensione di anzianità con il cumulo della contribuzione versata.

Nel dettaglio potranno accedere a questa soluzione:

  • i lavoratori dipendenti, di un’età minima di 61 anni e 7 mesi, fermo restando il raggiungimento di quota (somma età e anzianità contributiva) pari a 97,6
  • i lavoratori autonomi, di un’età minima di 62 anni e 7 mesi, fermo restando il raggiungimento di quota (somma età e anzianità contributiva) pari a 98,6.

Leggi anche: Pensioni anticipate per queste categorie di lavoratori: le scadenze

Per quanto concerne la domanda, dovrà essere presentata telematicamente all’INPS. L’Istituto, infatti, mette a disposizione il modulo “AP 45” proprio per questa specifica, oltre che tutta una serie di documenti necessari. Dopo aver svolto questo primo passaggio bisognerà, comprensibilmente, attendere la valutazione della stessa e nel caso sussistano i requisiti, arriverà l’accoglimento.