Bonus famiglia fino a 700 euro: i requisiti necessari

Bonus famiglia, ecco un ulteriore aiuto per tutti i nuclei in difficoltà in tempi di Covid-19. Ecco come ottenere fino a 700€

Foto Pixabay

Non solo gli aiuti del governo centrale: per le famiglie in difficoltà, in molti casi, ci sono in soccorso anche i sussidi dalle regioni o ancor più specificamente dalle città. L’ultimissimo caso si registra a Ravenna, dove il consiglio comunale ha approvato una delibera con un budget da 200 mila euro per i nuclei familiari in difficoltà che presentano figli dai 3 mesi ai 14 anni.

Leggi anche: Bollette, ecco quali sono gli aiuti per pagare luce gas e Internet

Bonus famiglia, aiuti in tempi di Covid-19

Bonus Famiglie
(Pixabay)

Si tratta di un bonus baby sitter da 300 euro stanziato per permettere ai genitori di pagare asili e scuole. Per aderirvi vi è un solo requisito: un modello Isee non superiore ai 35 mila euro. Premesso ciò, qualsiasi genitore-lavoratore può farne richiesta. Anche chi sta lavorando in smart-working.

Oltre questo c’è inoltre il buono spesa concesso grazie al Decreto Ristori ter, ma su discrezione di ogni comune per quanto riguarda il reddito massimo. La cifra indicativa è di un Isee non superiore agli 8 mila euro per poter far richiesta dell’aiuto statale, col quale è possibile comprare alimenti, beni di prima necessità e medicinali. In questo caso, il bonus non sarà elargito a chi presenta almeno un membro in famiglia che percepisce reddito che sia lavorando o attraverso un altro tipo di sostegno del governo.

Il che significa, per quanto riguarda il buono spesa, che non sarà possibile richiederlo nel caso in cui anche un solo membro su un nucleo di 5 per esempio lavori regolarmente e abbia un reddito. Così come se più o più soggetti dovessero già beneficiare del reddito di cittadinanza, emergenza o di una pensione d’emergenza o di vecchiaia.