Il Consumo etico e il progetto Wiki-TRADE per la consapevolezza

Il Progetto Wiki-TRADE, lanciato da Fondazione Politecnico di Milano, Altromercato Impresa, Wikimedia Italia ed EStà-Economia sostenibile durante la Milano Digital Week, vuole promuovere un modello di consumo etico e sostenibile.

Il Consumo etico e il progetto Wiki-TRADE per la consapevolezza
Il Consumo etico e il progetto Wiki-TRADE per la consapevolezza (foto: pixabay)

La pandemia e la rinnovata attenzione dei consumatori per modelli più sostenibili hanno preso ispirazione Fondazione Politecnico di Milano, Altromercato Impresa, Wikimedia Italia ed EStà-Economia sostenibil per il loro progetto Wiki-TRADE.

Leggi anche: Amazon ferma le consegne in Italia: disagi in arrivo

Wiki-TRADE: promuovere il consumo etico e sostenibile

Il Consumo etico e il progetto Wiki-TRADE per la consapevolezza
Il Consumo etico e il progetto Wiki-TRADE per la consapevolezza (foto: pixabay)

Già prima della pandemia si stava assistendo a un lento cambiamento nelle abitudini di acquisto e di consumo a livello globale. La pandemia e il Covid-19 hanno sicuramente accelerato questo processo perchè hanno provocato, in tutti i consumatori, una maggior attenzione al cibo e a ciò che si porta in casa.

Da questo cambiamento ha preso le mosse il progetto Wiki-TRADE. Come spiegato da Lucia Marsicano di Wikimedia Italia, uno dei partner del progetto, nel contesto che si è creato “è mutata anche la percezione delle persone rispetto alla loro esperienza come consumatori“. Riguardo l’impulso che il Covid-19 ha dato ai cambiamenti, Marsicano prosegue così “Diverse di queste questioni erano già in campo, ma il Covid-19, da un lato, ha accelerato fortemente alcuni processi (…) e dall’altro ha introdotto nuove variabili“.

La pandemia ha reso poi i consumatori più attenti, soprattutto perchè, nelle parole di Massimiliano Leporatti di EStà “una delle cause principali della pandemia risiede nell’insostenibilità del modello agricolo globale. L’espansione di modelli intensivi di agricoltura e allevamento sta sconvolgendo la natura, riducendo foreste e biodiversità in diverse aree del pianeta, finendo con l’aumentare il contatto tra fauna selvatica, animali allevati, virus, batteri e persone”.

Leggi anche: Offerta di lavoro: proposto indeterminato da 1.550 euro al mese!

La consapevolezza su cosa si acquista e su cosa si sceglie, quindi, diventa fondamentale perchè consumatori più consapevoli significa consumo etico e sostenibile. Un consumo che guarda non solo all’aspetto economico, dunque, ma anche al modello produttivo, per guidare le scelte in modo da orientare chi produce verso modelli diversi, più sostenibili e con un impatto ambientale minore.

Ma la pandemia ha anche accentuato i percorsi di e-commerce, un altro aspetto che Wiki-TRADE analizza. “La pandemia ha fortemente aumentato tutte le transazioni economiche e commerciali online,” spiega Giorgio Dal Fiume di Altromercato. Quello del commercio online è sicuramente destinato ad allargarsi e la pandemia sta fungendo solo da catalizzatore di forze già in atto.