Decreto Ristori, bonus da 4.200 euro: ecco a chi sarà versato

Nei prossimi giorni sarà approvato il Decreto Ristori, nel quale è previsto un bonus con un importo medio di 4.200 euro.

Bonus Famiglie
(Pixabay)

L’Italia, così come il resto del mondo, sta vivendo una situazione di grave emergenza non soltanto sotto l’aspetto epidemiologico ma anche quello economico. Il Covid-19 ha mandato in rosso i conti di tantissime attività produttive, in particolare per quanto concerne il settore turistico, ristorativo. Senza dimenticare tante libere professioni che stanno facendo i conti con la pandemia.

Il Governo, guidato dal premier Mario Draghi, è a lavoro per il tanto atteso Decreto Ristori. I cittadini attendono con ansia di capire se in questa nuova misura ci sia la possibilità di ricevere, in base alla propria categoria di riferimento, un sostegno economico di vitale importanza in questa fase. I tempi previsti per l’approvazione si sono allungati e quindi la firma dovrebbe arrivare entro un paio di settimane.

Leggi anche: Decreto Sostegno, ristori medi da 4.200 euro per questa categoria

Decreto Ristori: bonus da 4.200 euro

Bonus Famiglie
Banconote (Foto Pixabay)

Insieme al Decreto Ristori dovrebbe arrivare un bonus di importo medio di 4.200 euro destinato alle categorie di lavoratori che hanno risentito maggiormente dell’emergenza Covid-19. Il bonus dovrebbe riguardare liberi professionisti e le aziende che hanno avuto un effettivo calo di fatturato che dovrebbe essere stimato nel 33% rispetto al 2020.

L’importo del bonus non sarà uguale per tutti, quindi potrebbero esserci professionisti o aziende che potrebbero ricevere una somma inferiore. Al momento non sono stati ancora ufficializzati i criteri di calcolo, quindi per avere un’idea più precisa del sostegno previsto dal Decreto Ristori bisognerà attendere, come sempre, la pubblicazione.

Leggi anche: Decreto Sostegno, ecco come i 32 miliardi saranno ripartiti

L’attesa dei cittadini, comprensibilmente, è spasmodica visto che, in particolare nelle realtà turistiche, ci sono famiglie che ormai da tanti mesi cercano di andare avanti senza un lavoro o uno stipendio fisso.