Quanto guadagna Matteo Renzi? Lo ha svelato un’inchiesta delle Iene

Matteo Renzi in un servizio de Le Iene. La nota trasmissione usa il “redditometro” per esaminare i guadagni dell’ex premier

Renzi e Mattarella
Matteo Renzi e Sergio Mattarella (screenshot)

Matteo Renzi è uno dei politici più noti dell’ultimo decennio. E’ stato prima Sindaco di Firenze, poi parlamentare per il Partito Democratico, ed infine capo del Governo nel 2014. Dopo la fine del Governo Renzi e l’uscita dal PD ha fondato un nuovo partito, Italia Viva, del quale è leader indiscusso.

Renzi vanta un’attività politica in forte ascesa durante l’ultimo decennio, ed allora ci si può chiedere: quanto è variata la condizione economica dell’ex premier con il proliferare del suo impegno politico?

Gli stipendi dei parlamentari sono una questione molto delicata e discussa. Garantiti dalla Costituzione, sono al centro del mirino di giornalisti e trasmissioni televisive, nonché fiore all’occhiello di propaganda politica. I costi della politica e la loro incidenza sul budget dello Stato sono stati oggetto dell’ultimo referendum, finito con la vittoria del sì.

La nota trasmissione “Le Iene”, in onda su Italia1, ha indagato nelle tasche dei politici più noti creando un “redditometro”, cioè una classifica che monitora l’incremento dei guadagni di parlamentari e senatori.

Leggi anche: Decreto Ristori 5, bonus da 1.000€ per queste categorie

Il “redditometro” su Matteo Renzi

Renzi corre
(screenshot)

Marco Occhipinti e Filippo Roma delle Iene hanno esaminato il reddito di 100 parlamentari confrontando la loro dichiarazione dei redditi prima dell’ingresso alla Camera o al Senato con l’ultima dichiarazione del 2020.

Non tutti hanno migliorato la loro condizione economica, ma alcuni politici hanno sensibilmente aumentato il loro guadagno.

Leggi anche: Quanto guadagna Moise Kean? Il patrimonio del prodigio del Paris-Saint-Germain

Primo della top 100 della classifica è Matteo Renzi, che nel 2020 ha dichiarato 936.318 euro in più rispetto alla dichiarazione dei redditi del 2013, prima del suo ingresso in Parlamento.