L’Antitrust ha sanzionato Flixbus e Grimaldi per pratiche commerciali scorrette. Soddisfatto Assoutenti per l’arrivo delle multe.

Antitrust
Pixabay

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha sanzionato Grimaldi Group con una multa di 1 milione di euro per pratiche commerciali scorrette. Le motivazioni avanzate riguardano l’aver ostacolato i consumatori nel richiedere il rimborso in denaro, previsto in caso di ritardo della nave. Tale comportamento è stato imputato per il periodo che va dal 2017 al mese di agosto 2020. La pratica scorretta è cessata a seguito del provvedimento dell’Antitrust.

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha multato anche Flixbus per una cifra totale di 1,5 milioni di euro per pratiche scorrette. La sanzione si riferisce alla vendita di biglietti durante i periodi nei quali vigevano le restrizioni.

Leggi anche: Antitrust, avviata inchiesta sulle mascherine U-Mask

Antitrust, provvedimenti e commento di Assoutenti

Antitrust
Pixabay

Nello specifico, è stato stabilito un importo di 900 mila euro per aver permesso attraverso i propri canali di vendita online l’acquisto di biglietti di viaggio anche nei giorni successivi all’entrata in vigore delle diverse limitazione alla circolazione. A questi si aggiunge una multa di 600 mila euro per l’insufficiente assistenza offerta ai clienti colpiti dallo stop dei viaggi.

L’Antitrust ha poi ammonito Flixbus dal perseguire tali pratiche ed ha fissato a sessanta giorni il termine per conoscere le attività intraprese per rispettare la diffida.

Leggi anche: Antitrust, controlli su Facile.it per pratiche commerciali scorrette

Assoutenti ha dichiarato – per mezzo del suo presidente Furio Truzzi – di essere soddisfatta per le sanzioni messe in atto dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato: “stanno arrivando le multe dell’Antitrust, ma è evidente che a fronte dei danni subiti dai consumatori le sanzioni non siano sufficienti“.

Il presidente ha poi aggiunto: “le società devono essere obbligate a rimborsare in modo automatico tutti quei viaggiatori che non hanno ottenuto gli indennizzi spettanti”.